Botta e risposta tra Renzi e Grillo sugli 80 euro (il video)

Arriva la campagna elettorale ed esce il Beppe bugiardo che non ti aspetti“.

Il tono è serio ed irritato e viene fuori dalle parole del Presidente del Consiglio che in queste ore con un video sulla rete sta cercando di fare chiarezza sugli 80 euro mensili destinati agli italiani che non percepiscono più di 1.500 euro al mese.

“Beppe Grillo – dice Renzi – ha scritto una falsità, sostenendo che abbiamo dato gli 80 euro per farceli restituire indietro dopo le elezioni. Abbiamo così ricevuto diverse email di cittadini preoccupati. È veramente triste terrorizzare i cittadini con messaggi falsi, perché si gioca sulla pelle delle persone: così facendo, Grillo dimostra ancora una volta che in politica c’è chi fa le cose per l’Italia e chi punta ai voti in campagna elettorale permanente”.

Guarda il video messaggio di Renzi agli italiani : Il messaggio di Renzi sulla bugia di Grillo

Il leader del M5s non tarda a replicare con l’ulteriore ‘botta e risposta’ delle ultime ore: “1,4 milioni di italiani devono restituire gli 80 euro. 341 mila di questi hanno un reddito inferiore a 8.000 euro e sono costretti a sborsare la cifra del rimborso in un colpo solo. Lo dice il ministero, non Beppe Grillo. Renzie dice che non è vero, ma mente. Come sempre”. Il Bomba – spiega Grillo – ha paura, tanta. A pochi giorni dalla elezioni amministrative, infatti, la mancetta elettorale di 80 euro che ha tirato fuori dal cilindro due anni fa sta cadendo a pezzi. Il Bomba nega la realtà e attacca il M5S! In un video delirante apparso su Youtube tira in ballo Beppe Grillo sostenendo che è un bugiardo e che vuole spaventare gli italiani. Secondo la sua fantasiosa ricostruzione è stato Beppe Grillo a inventarsi che nel 2015 1,4 milioni di italiani hanno dovuto restituire per intero il bonus da 80 euro mensili percepito nel 2014. È stato sempre Beppe Grillo a calcolare che di questi 1,4 milioni, ben 341 mila sono cittadini che nel 2014 hanno percepito meno di 7.500 euro (i cosiddetti ‘incapienti’). E ancora, è stato Beppe Grillo a inventarsi che gli 80 euro percepiti a piccole dosi ogni mese dovranno essere restituiti tutti in una volta, costringendo molte famiglie ad un esborso secco che può avvicinarsi ai 1000 euro. Ma è davvero così? No!”.

“I dati che ieri il blog ha riportato e commentato – è scritto nel post – provengono dal dipartimento delle Finanze, che risponde all’omonimo ministero. Il Bomba, da presidente del Consiglio, dovrebbe conoscerlo bene. La notizia, tra l’altro, è uscita su decine di giornali nei giorni scorsi. Perché il Bomba non attacca anche i giornalisti che hanno osato diffondere i dati pubblici del ministero? Il Bomba è in difficoltà, lo capiamo. Ma ci chiediamo che senso abbia scaricare le colpe dei suoi fallimenti sul M5S, quando 1,4 milioni di italiani si sono visti sfilare quasi 1000 euro in un colpo solo dal conto corrente. Pensa di ingannare anche loro come pensava di ingannare I correntisti di banca Etruria? Non fidatevi del Pd. Le loro promesse sono fregature a scopo elettorale. Il 5 giugno – conclude Grillo – cambiamo tutto!”.

 

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi