Il Ministro Pinotti alla Giornata della Marina Militare

La ricorrenza è stata celebrata a Palazzo Marina, alla presenza del Presidente della Repubblica Mattarella e del Ministro della Difesa Roberta Pinotti

L’istituzione della Giornata della Marina Militare risale al 13 marzo 1939 ed è dedicata a una delle più significative azioni compiute sul mare durante la Prima Guerra Mondiale: l’impresa di Premuda del 10 giugno 1918, quando il comandante Luigi Rizzo e il guardiamarina Giuseppe Aonzo, al comando dei ‘MAS 15’ e ‘MAS 21’, attaccarono una formazione navale austriaca nelle acque antistanti Premuda (costa dalmata), provocando l’affondamento della corazzata “Santo Stefano”.

“Oggi è una giornata da festeggiare, ma con un ulteriore motivo di soddisfazione: entrambi i nostri fucilieri di marina Massimiliano La Torre e Salvatore Girone sono di nuovo nel loro Paese, tutti e due, circondati dall’affetto delle loro persone care e dalla gioia degli italiani“.

Questo uno dei passaggi più significativi dell’intervento pronunciato oggi dal Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, davanti al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della cerimonia per celebrare la Giornata della Marina Militare, presenti il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, e il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio Giuseppe De Giorgi.

“In ogni circostanza, la Marina Militare ha fatto onore al Tricolore, dimostrandosi anche capace di integrarsi efficacemente in dispositivi interforze, interministeriali e internazionali, assumendone spesso anche la leadership” evidenziando le molteplici capacità della Marina che, come tutte le altre Forze armate, trova nel “fattore umano” il suo patrimonio più importante.

“Il capitale costituito dalla professionalità, dallo spirito di servizio e di solidarietà, dalla maturità e dalle qualità morali e di carattere delle nostre donne e dei nostri uomini in uniforme – ha spiegato il Miinistro – è la vera garanzia di sicurezza, difesa e stabilità per tutto il nostro Paese”.

marina impresaPer un “Sistema Difesa” efficace ed efficiente non si devono però trascurare anche altri fattori, quali la cultura, le procedure organizzative, le risorse tecnologiche, infrastrutture e logistiche.

Un richiamo, quello del Ministro, all’importanza di sostenere gli investimenti nelle nostre Forze armate.

“Tecnologia, innovazione e modernità dei sistemi di difesa hanno un costo” ha spiegato la titolare del Dicastero, che ha aggiunto “ma dobbiamo anche essere consapevoli dei ben altri costi che il nostro Paese potrebbe essere chiamato a pagare se si ritrovasse con un Sistema Difesa inefficace e inefficiente soprattutto in un mondo come quello attuale, e quello che sembra profilarsi in futuro”.

Nel corso della cerimonia, il Presidente Mattarella ha conferito le onorificenze: la medaglia d’argento al valore della marina alla Bandiera di guerra del Comsubin, la Medaglia d’oro al merito della sanità pubblica alla Bandiera della Marina Militare, e le onorificenze al personale che si è maggiormente distinto in servizio.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi