Rassegna stampa 04.07.2016

– Press review di lunedi quattro luglio 2016 a cura della redazione giornalistica di Eco dai Palazzi:
ESTERI
 
Confusion. Tanti tavoli istituzionali su Brexit e ognuno con una proposta diversa. La Germania inoltre fa una partita tutta sua che non coincide con gli interessi europei (Prodi sul Msg)
 
ECONOMIA
 
Errori. Renzi contesta giustamente ai suoi predecessori le enorme concessioni fatte a Francia e sopratutto Germania in materia fiscale e vincoli di bilancio tutte a scapito dei contribuenti italiani. Stia attento, però, a non farli pure lui (Caizzi sul Cds Ec.)
 
INTERNI
 
Udc in crisi. La separazione fra Casini e Azzurra Caltagirone ha ripercussioni anche sui conti del partito: finiti i generosi contributi della famiglia Caltagirone, il partito è sull’orlo del fallimento (Lib)
 
Segretario e premier. Nel 2007 tutti d’accordo sull’articolo 3 dello Statuto del Pd in base al quale “il Segretario (…) è proposto dal Partito come candidato all’incarico di Presidente del Consiglio dei Ministri”… (QN)
 
Siae. Un monopolio legale superato dalla direttiva Barnier e bocciato dall’Antitrust. E per di più non si sa dove vadano a i soldi… In Parlamento però sono stati bocciati tutti gli emendamenti per la liberalizzazione del mercato… (Cataldi sul Ft)
 
Italicum da rivedere. Consolida e legittima il ruolo del terzo polo (Passigli sul Cds)
 

ROMA

 
O Marra o morte. Molti non riescono a capire perche il sindaco Raggi abbia fra le priorità più impellenti quella di trovare un posto di rilievo a Raffaele Marra, dirigente vicino ad Alemanno e Panzironi… (Evangelisti e Rossi sul Msg)
 
Che stress. La Raggi pensava che, con la copertura di Di Maio, potesse infischiarsene del direttorio ma non ha fatto bene i conti con la Lombardi e la Taverna… (Favale e Cuzzocrea su Rep)
 
Pacta servanda sunt. La Raggi ha firmato un contratto con clausole molto chiare e non può ora lamentarsi dell’ingerenza del direttorio… (Evangelisti e Piras sul Msg)
 
Addio gabinetto. Frongia da anni si era preparato il terreno per il grande salto pianificando tutto nei minimi dettagli ma si è dimenticato la cosa più importante: studiare la legge Severino (Gorra su Lib)
 
Tangenti sui Rom. L’imprenditore Chierici chiese aiuto al senatore e sottosegretario Nencini (Allegri sul Msg)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi