Agevolare i giovani e le fondazioni, un modello per le start-up culturali

di Marta Donolo

In commissione Cultura durante l’audizione del 13 Luglio scorso si è parlato di start-up culturali e di economia della cultura. I rappresentanti di Federculture e della Fondazione Fitzcarraldo hanno sottolineato la necessità di sistematizzare il ruolo delle imprese culturali in riferimento alla proposta di legge sulle agevolazioni in favore delle start-up culturali e relative modifiche al testo unico n. 58 del 1998; il testo unico riguarda la raccolta di capitali dal pubblico per la valorizzazione, la gestione e la tutela dei beni culturali sia in relazione a poli culturali già esistenti che a nuove forme di cultura, come Apps turistiche, design, riutilizzo di ex-magazzini.

Secondo il rappresentante di Federculture si tratta di estendere il modello delle società di capitali anche alle fondazioni; inoltre, diventa fondamentale l’utilizzo delle nuove tecnologie nello sviluppo di innovazione di tipo immateriale. Per il rappresentante della Fondazione Fitzcarraldo è fondamentale il sostegno del settore finanziario sia nelle funzioni di mentoring o accompagnamento dei progetti, sia attraverso programmi di sostegno e corsi di formazione manageriale già in atto. Interessante notare come il rappresentante abbia sottolineato la “scarsa” rilevanza delle quote riservate ai dottorati, dato che non rispondono alla composizione delle start-up tecnologiche. Anche per il crowdfunding la sua opinione è che rappresenti un messaggio politico di “valore simbolico” piuttosto che rappresentare un efficace strumento di finanziamento.

Le start-up, infatti, per definizione, non godono di capitale di investimento né di capitale sociale o reputazionale, e quindi necessitano di agevolazioni. Durante la discussione, la depuata Valente ha chiesto se ci fossero garanzie da parte degli istituti di credito alle giovani imprese, ma questi non concedono finanziamenti alle start-up; inoltre, le concessioni per l’uso degli spazi pubblici per attività a lungo termine sono più difficili da ottenere. Il Mediocredito non consente alle fondazioni di accedere al mercato dei crediti riservato a società commerciali e viceversa l’Unione Europea non consente alle società di capitali di accedere ai finanziamenti di Europa Creativa. Il parlamentare Manzi ha chiesto se il limite anagrafico sia da intendere come elemento dirimente per le start-up. Le agevolazioni, infatti, prevedono il limite di età di giovani di 35 anni e potrebbero essere estese a start-up “non-giovani”, malgrado la proposta di legge preveda già il sostegno alle start-up per i 10 anni successivi.

Il potenziale inespresso delle imprese culturali è di fatto evidenziato da alcune condizioni di contesto in cui si sviluppano le start-up, quali la rilevanza che hanno per l’economia del territorio, l’inserimento della cultura in filiere produttive che faciliterebbe l’accesso nei mercati internazionali, lo scambio di competenze settoriali e la promozione di opportunità di ricerca all’interno delle istituzioni stesse. Le filiere culturali producono 78,6 miliardi di valore aggiunto e hanno ricadute su altri settori economici.

Nel Lazio le industrie creative sono oltre il 10% di quelle nazionali. Se l’obiettivo è quello di rilanciare l’economia culturale, si può affermare che ad oggi la cultura e la creatività hanno raggiunto più visibilità nel contesto della programmazione europea anche in mancanza di una priorità tematica specifica; 1mln e 200mila euro sono stati stanziati a fondo perduto dalla Regione Lazio nel 2016 tramite il Fondo della creatività per lo sviluppo e il sostegno di imprese nel settore delle imprese culturali e creative. Questi dati evidenziano  tuttavia la difficoltà nell’accesso ai finanziamenti per questo tipo di imprese e il ritardo nell’utilizzo dei fondi sottolinea incapacità politico-amministrativa, scarsa selettività e frammentarietà degli interventi.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi