Lingua blu, Bellot (Fare!) chiede l’intervento del governo

La senatrice Raffaela Bellot raccoglie l’appello di Donazzolo – Presidente Confagricoltura Belluno – e deposita una interrogazione urgente, in accordo con le necessità espresse dagli allevatori bellunesi, in cui chiede un intervento del Governo.

Serpeggia infatti grosso malcontento e forte preoccupazione negli ambienti di Confagricoltura Belluno che ha deciso di chiedere l’intervento diretto a Roma della Bellot.

Mentre continua in provincia l’allarme per gli episodi di bluetongue, a un mese dall’accertamento dei primi casi, in sede Regione Veneto manca ancora una delibera che orienti e sostenga il piano vaccinale globale con un conseguente serio controllo del diffondersi dell’epidemia.

A Roma quindi la senatrice bellunese interroga direttamente il Ministro della salute e quello delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Nel suo intervento in aula la Bellot chiede nell’ordine, che il Governo con urgenza accerti:

  • l’adeguatezza e l’efficiacia degli interventi disposti dalla Regione Veneto per far fronte all’epidemia e prevenirne l’ulteriore diffondersi

  • perchè il piano vaccinale non sia stato sin dall’inizio esteso anche ai capi bovini, portatori sani del virus

  • se il ritardo negli interventi di vaccinazione e le modalità prescelte dalla Regione Veneto non abbiano configurato una violazione delle disposizioni comunitarie vigenti in materia.

Non è chiaro a quale punto della filiera decisionale o perché si sia deciso di intervenire con i vaccini su alcuni capi e non su altri. Il virus continua a diffondersi creando non poche perdite e difficoltà ai nostri allevatori. E se è vero- continua la Bellot – che una parte di noi si sente al sicuro perché il virus non attacca l’uomo, è altresì vero che gli interventi di risposta non sono proporzionali alla necessità. I nostri allevatori vogliono risposte più efficaci e più chiare. Io, nel compito che mi spetta in qualità di Senatrice, chiedo al Governo che spinga per arrivare presto ad una soluzione migliore. Grazie a Dio non c’è contagio tra l’uomo, ma i danni di questa epidemia coinvolgono più gente e più economia di quanto si possa pensare.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi