Educazione ambientale nelle scuole, il piano Galletti-Giannini

Annuncio a Stati Generali Educazione Ambientale:
fondi dal Pon Scuola per finanziare formazione insegnanti e progetti specifici

“Abbiamo firmato con il ministro Giannini un protocollo nel quale destiniamo 20 milioni di euro all’educazione ambientale, fondi che vengono dal bilancio del Ministero dell’Istruzione” lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti agli Stati generali dell’Ambiente che si sono conclusi ieri al “MAXXI” di Roma. I fondi stanziati serviranno a inserire l’educazione ambientale nelle scuole italiane, dalle primarie fino ai gradi più alti: provengono dal Piano operativo nazionale (Pon) Scuola e serviranno alla formazione degli insegnanti e a progetti specifici per gli studenti, i cui contenuti saranno affidati al Ministero dell’ Ambiente.

“Questi soldi – ha spiegato Galletti – servono per incominciare a portare nelle scuole l’educazione ambientale, formando i formatori. Abbiamo bisogno di buoni maestri ambientali che trasmettano contenuti. Bisogna trasformare le buone idee che abbiamo in pratica e insegnarle agli studenti, trasmettere conoscenze che diventano indispensabili anche per il loro futuro professionale”. “L’unico modo per risolvere i problemi ambientali – ha spiegato Galletti – è insegnare ai nostri ragazzi a non fare gli errori che abbiamo fatto noi, che almeno avevamo la scusante di non possedere le conoscenze scientifiche. Se oggi, con quello che sappiamo, non insegniamo l’educazione ambientale, allora siamo davvero colpevoli”. “Vorrei- ha sottolineato Galletti- che i ragazzi volessero bene all’ambiente quanto ne vogliono al loro cellulare e passassero del tempo a leggere un libro sull’educazione ambientale”.

“E’ un impegno che deriva dalla legge sulla Buona scuola – ha spiegato il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini – che prevede l’ introduzione della educazione ambientale come uno dei principi guida, non concentrata in un’ora, ma distribuita in attività formativa dalla primaria ai più alti gradi dell’istruzione. La formazione riguarda in modo cruciale anche gli insegnanti – ha aggiunto Giannini – perché c’è bisogno di una classe di docenti che non sia abbandonata a se stessa, alla buona volontà, ma sia inserita in un percorso di formazione strutturale e permanente. Si passa da un’idea di  tanti micro progetti diffusi nelle scuole a una visione di  sistema che riguarda tutto il sistema educativo”.

E’ intervenuto anche il presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Peter Thomson: “Il mondo – ha detto il rappresentante Onu – ha intrapreso un percorso che lo porterà verso un precipizio di insostenibilità. Possiamo invertire questo cammino se sapremo coniugare obiettivi di sostenibilità con accordo di Parigi. I giovani devono vedere gli obiettivi Onu di sviluppo come un diritto e insieme una responsabilità. Ma come si fa a lottare per diritti e responsabilità se non si conoscono? La risposta è nell’educazione dei giovani”.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi