Rassegna stampa del 25 novembre

EUROPA 
Nomine Ue. La litigiosità dei partiti italiani non permette di fare ‘sistema’ quando si tratta di spingere qualche italiano alla presidenza dell’Europarlamento. I leader globali hanno una visione. Gli altri si lamentano e mettono veti…  (Zatterin su la St). Le mosse del Popolare Weber per preparare il terreno per una sua candidatura (Bresolin su la St). Ma Pittella fissa i paletti: “Ai socialisti spetta la presidenza o dell’Europarlamento o del Consiglio d’Europa. Punto.” (int. sul Matt)
Era geologica. Quando nel 1999 D’Alema brindava perchè riteneva l’allargamento alla Turchia dell’Ue cosa già fatta… (Ferrari su l’Avv)

INTERNI

Niente regalo. Ritirato all’ultimo momento l’emendamento del governo che agevolava Poste Italiane. Delusione fra i lobbisti postali dopo i recenti favori ricevuti fatti al governo… (Palombi sul Ft)
Referendum. Per Brunetta Renzi darà le dimissioni prima del referendum per sparigliare le carte e spingere a rimanere a casa chi è contro le riforme perchè contro di lui. Tutti nel Pd negano ma potrebbe essere l’ultima vera carta che gli rimane (Cesaretti sul Gn) 
 
REGIONE LAZIO
 
Legge Roma Capitale. Il M5s presenta 3mila emendamenti alla legge di riordino degli enti locali in discussione alla Pisana (Di Mario sul Tp)
 
ROMA
 
Campi Rom. Rinviati a giudizio in 17 per le mazzette che giravano intorno agli appalti per le bonifiche dei campi rom (Pierucci sul Msg)
 
La marziana. Anche la Raggi vive in un mondo parallelo e invece di preoccuparsi di Roma si occupa di referendum, presentando mozioni e partecipando alle “Camminate per il No” (Canettieri sul Msg)
 
Studia. Raggi: “Se vince il Sì al referendum, rinuncio al seggio da senatrice”. Ma a decidere chi mandare in Senato è il Consiglio regionale e poichè la Regione Lazio è a trazione Pd, la Raggi può stare serena (Vitale su Rep)
 
La guerra è guerra. Il governo toglie al Campidoglio i proventi dei biglietti dell’area archeologica (compreso il Colosseo): circa 60 milioni all’anno (Spadaccino sul Cds)
 
Stadio. La lotta oramai si è trasferita all’interno del Campidoglio fra l’assessore Berdini, favorevole solo se Parnasi toglie dal progetto i tre grattacieli, e la rappresentante del Campidoglio, Vittoria Crisostomi, secondo cui, invece, il progetto su cui trattare è quello con i tre grattacieli (Magliaro sul Tempo)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi