ISTAT, Italiani ancora più poveri 1 su 4 a rischio povertà

Secondo l’ISTAT gli italiani sono ancora più poveri e uno su quattro sarebbe a rischio povertà.

Nel rapporto “Condizioni di vita e reddito” pubblicato dall’Istituto nazionale di statistica, si legge che nel 2015 il 28,7% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà, paria a circa 17,5 milioni di persone.

Ancora lontani quindi dai 12 milioni 882 mila fissati nell’ambito della strategia Europa 2020 quale limite massimo di individui in condizione di rischio di esclusione sociale (rischio di povertà, grave deprivazione materiale, bassa intensità di lavoro).

polveriniIl Mezzogiorno risulta essere ancora l’area più esposta: nel 2015 la stima delle persone coinvolte sale al 46,4%, dal 45,6% dell’anno precedente. La quota è in aumento anche al Centro (da 22,1% a 24%) ma riguarda meno di un quarto delle persone, mentre al Nord si registra un calo dal 17,9% al 17,4%.

“Le nuove stime Istat sulle condizioni di vita e reddito degli italiani rivelano unarturo-scotto Mezzogiorno incatenato a uno schema di decrescita costante mentre il resto del Paese continua a muoversi a un’altra velocità.” A dirlo è Renata Polverini (FI) che chiede per i cittadini del Sud servizi pubblici più efficienti, di una previdenza che non sia discriminatoria e infine di una gestione dei fondi europei mirata al rilancio.

“Gli italiani hanno altri problemi: la povertà e l’esclusione sociale” è il capogruppo dei deputati di Sinistra Italiana Arturo Scotto a collegare i dati Istat di oggi con il No al referendum Costituzionale e la decisione di chiudere velocemente la manovra di Bilancio che reputa incapace di rispondere subito a queste due urgenze.

 

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi