Rassegna stampa del 14 febbraio

INTERNI

 
Scenari. Davvero a Berlusconi conviene investire in un’alleanza con un partito in frantumi come il Pd? (Cazzullo sul Cds). Orlando si smarca da Renzi e dalla minoranza e si ritaglia una terza posizione (Guerzoni sul Cds)
 
Strategia. La data delle elezioni passa in secondo piano: l’obiettivo primario di Renzi è annientare la minoranza (Gentili sul Matt)
 
“Smetto quando voglio”. Il Manifesto azzecca il titolo di prima pagina 
 
Mica ci freghi. Il decreto “in favore” delle popolazioni colpite dal terremoto prevede l’esenzione dal pagamento del canone tv “se, per effetto dell’evento sismico, la famiglia anagrafica, non detiene più nessun apparecchio televisivo”. E come si fa a dimostrarlo? Bisogna mandare un pezzo dell’apparecchio distrutto all’Agenzia delle Entrate? E se, per disgrazia, il televisore si sia salvato dal crollo, bisogna pagare lo stesso? (Bracalini sul Gn)
ROMA
 
Berdini umiliato. Teatro dell’assurdo a Roma: la sindaca continua ad umiliare l’assessore (“Pensi a lavorare invece di rilasciare interviste”) ma non lo caccia. Nè tantomeno lui rassegna le dimissioni (Arzilli sul Cds). La Raggi fa preparare un dossier su Berdini (Canettieri e De Cicco sul Msg)
 
Stadio. Pressing della base, delle associazioni e dei grandi nomi dell’architettura per fermare la costruzione dello stadio. L’architetto grillino Sanvitto: “I consiglieri del M5s non ci ascoltano, non fanno più da portavoce. Non hanno le competenze e si fanno infinocchiare”. Amen (D’Albergo su Rep)
 
Metaformosi. Anche il M5s, arrivato al potere, ha attuato le stesse logiche degli amministratori precedenti: svendere il territorio ad interessi particolari. Con un’aggravante: i grillini non hanno mai avuto un progetto per la città (Montanari su Rep). La base chiede di votare online e mette in imbarazzo Grillo (Evangelisti sul Msg)
 
Pari opportunità. Roberta Della Casa, presidente grillina del V municipio, ha avocato a sè le deleghe di Bilancio e Trasparenza, inizialmente affidate a Emanuela Brugiotti, perchè quest’ultima è incinta (Di Mario sul Tempo)
 
Mafia Capitale. Il potente funzionario della Regione Lazio Guido Magrini, accusato di corruzione, depone al processo e fa infuriare il presidente del Tribunale (Errante e Pierucci sul Msg). La Procura di Catania rinvia a giudizio anche il sottosegretario Castiglione (Ziniti su Rep)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi