Rassegna stampa del 9 Marzo

UE
 
Semafori alimentari. Le multinazionali propongono di introdurre un’etichetta nutrizionale a semaforo. E’ un sistema, però, che discrimina i prodotti di qualità e cioè quelli italiani (Scarci sul Sole)
 
ECONOMIA
 
Ilva. I gruppi di potere dietro le due cordate che hanno presentato un’offerta per l’Ilva (Manacorda su Rep)
 
INTERNI
 
Consip. Anche Forza Italia voterà la mozione Augello/Quagliariello per decapitare i vertici Consip e quindi i voti di Verdini saranno decisivi. Per evitare l’implosione c’è bisogno che Marroni si dimetta ma non ne vuol sapere…(Ciriaco su Rep). In ogni caso meglio non fare innervosire Marroni in questo periodo in quanto potrebbe “salvare” Tiziano Renzi ritrattando le accuse (Meli sul Msg)
 
Potere renziano. All’interno del giglio magico c’è un groviglio di interessi così inestricabile che non riescono a vederlo nemmeno loro stessi (Palombi sul Ft)
 
Macigni. Belpietro si toglie dei macigni dalle scarpe: “Feltri difende chi lo paga: non ha attaccato Renzi perchè il suo editore Angelucci ha fatture sospese con le Regioni (Lazio e Puglia) e solo Renzi avrebbe potuto aiutarlo. Non può attaccare Verdini perchè è il trade union fra Lotti e Angelucci e non può attaccare Il Pd perchè il suo impero sanitario dipende dalle convenzioni” (La Verità)
 
REGIONE LAZIO
 
Riforma elettorale. M5s e Pd trovano l’accordo: addio listino del presidente, premio del 20% alla coalizione vincente, garanzia della rappresentanza di tutte le province (Evangelisti sul Msg)
 
Candidature. Il centrodestra alle elezioni regionali potrebbe scegliere come candidato Pirozzi, il sindaco di Amatrice (Di Majo sul Tempo)
 
ROMA
 
Mafia Capitale. Buzzi: “Aprite bene le orecchie perchè farò i nomi di tutti quelli che ho pagato finora”. Con trentacinque capi di imputazione sulle spalle, Buzzi ha capito, un pò in ritardo, che dal carcere non uscirà più e quindi si gioca l’ultima carta (Menafra sul Msg e Bianconi sul Cds)

Pd. Continuo riposizionamento degli esponenti dem capitolini. La stragrande maggioranza segue Orlando (Garrone sul Cds)
 
Stadio. Per evitare le continue figuracce, da ora in poi l’unico a sedersi ai tavoli istituzionali e con i proponenti sarà il nuovo direttore generale del Campidoglio Franco Giampaoletti (box su Rep)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi