Rassegna stampa del 9 giugno

INTERNI
 

Renzi disastro. In poco tempo è riuscito nell’impresa di liquidare tutti i potenziali alleati: se tagli i ponti poi è difficile tornare indietro (Verderami sul Cds). Ora gli tocca votare la legge di bilancio con gente con cui i rapporti sono lacerati. E per di più una manovra lacrime e sangue (Conti sul Msg)

 
Fallimenti. Non poteva che finire così: troppi furbi e zero idealità (Calabresi usa la clava)
Non solo Renzi. L’altro vero sconfitto è Di Maio: aveva puntato tutto su questo sistema elettorale per andare a Palazzo Chigi. L’errore dell’area pragmatica del M5s è stato quello di non blindare il testo (Cuzzocrea)

Storytelling da riscrivere. Renzi a Berlusconi: “Ho fatto saltare il banco subito perchè comunque saremmo andati sotto su altri emendamenti…” (Magri e Martini sulla St). Biancofiore conferma: “Renzi aveva già in mente di affossare tutto e ha approfittato del mio emendamento” (int. su Rep). Rotondi: “Tutto pianificato da Renzi per far saltare subito la legge” (int. sul Gn)
 
Berlusconi ci crede ancora. Nota di Berlusconi: “Se il Pd usa l’emendamento Biancofiore come pretesto per far saltare la legge si assume una grande responsabilità” (De Feo sul Gn). Deputati forzisti contro Brunetta per aver concesso alla Biancofiore la possibilità di presentare l’emendamento (Coppari su QN)
Altre legnate. Gli esponenti del Pd declinano l’invito all’Assemblea dei giovani di Confindustria: “Poco male” (Box piccolino a pag. 47 del Cds)
 
Inchiesta Consip. I carabinieri del Noe infastiditi dalla fuoriuscita di notizie avevano piazzato cimici anche nell’ufficio del Comandante dei Carabinieri (Sarzanini e Fiano sul Cds)
 
D’Alema a rischio. A breve si rinnova la carica di presidente dell’organizzazione che riunisce tutte le fondazioni legate al Pse. D’Alema rischia di non essere riconfermato: troppi screzi in passato contro il Pse, contro il Pd e contro i francesi (Carugati sulla St)
 
Piove sul bagnato. Calenda osannato all’assemblea di Confcommercio, la stessa dove Renzi fu accolto dai fischi (Rep non perde occasione per evidenziare il maggiore appeal di Calenda)
 
ROMA
 
Stadio. Oggi le sedute congiunte delle commissioni Urbanistica e Mobilità, Lavori pubblici e Ambiente (Magliaro sul Tempo). Con i tagli alle infrastrutture non c’è più la pubblica utilità (Canettieri sul Msg)
 
Pd. Il Pd romano messo peggio di quello nazionale: manco tre giorni alla presentazione delle liste e manca ancora un accordo (Canettieri sul Cds)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi