Ustica, il messaggio delle istituzioni.

Il 27 giugno 1980 avveniva la strage di Ustica: al largo dell’omonima isola un DC-9 della società Itavia precipitò in mare provocando la morte di 81 persone. Tretasette di mistero e numerosi processi che rimangono ancora incerti su quella che ancora oggi resta una delle pagine più nere della cronaca internazionale. Riportiamo qui i messaggi dei dei Presidenti della Repubblica, di Camera e Senato nel giorno della commemorazione della strage.

Il messaggio di Sergio Mattarella
“La data del 27 giugno, ricorrenza della strage di Ustica, resta impressa nella coscienza del Paese come un evento tragico e come una ferita sempre aperta, per le vite spezzate, per le indicibili sofferenze dei familiari, e per il vulnus alla sensibilità civile e democratica del nostro popolo. In questa giornata esprimo la partecipazione della Repubblica al comune dolore e la vicinanza nel costante impegno affinché siano compiutamente accertate le responsabilità e vengano ricostruite in modo univoco le circostanze e il contesto che provocarono così tante morti innocenti.

Alla domanda di giustizia le istituzioni hanno il dovere di dare risposta, percorrendo fino in fondo la strada della verità e facendo onore alla professionalità e alla dedizione di uomini dello Stato che sono riusciti ad aprire questo cammino superando ostacoli e difficoltà. Altri passi potranno essere compiuti, nella auspicabile collaborazione con istituzioni di paesi amici, affinché la memoria di quanto avvenuto nel cielo di Ustica rafforzi la solidarietà e la speranza di quanti operano per il trionfo delle ragioni dello stato di diritto”

Il messaggio di Laura Boldrini
“Nel giorno in cui si rende omaggio alle ottantuno vittime della strage di Ustica, rinnovo a voi familiari e alla vostra associazione la vicinanza della Camera dei deputati e quella mia personale. Vi sono riconoscente per la straordinaria dimostrazione di tenacia che avete saputo dare per un tempo insopportabilmente lungo. E’ la tenacia che è stata richiesta, nella vita della nostra Repubblica, a tutti coloro che reclamavano verità sulle stragi.

Appena pochi giorni fa è stato finalmente messo, con la sentenza della Corte di Cassazione, un punto fermo sulla strage di Brescia, ben 43 anni dopo. Voi, a 37 anni di distanza, continuate a coltivare la legittima aspirazione alla giustizia, ma avete dovuto fare i conti con depistaggi, complotti e silenzi, anche da parte di alcuni settori deviati dell’apparato statale. Più volte ho ribadito il dovere delle Istituzioni di impegnarsi in modo incondizionato per fare luce. Non soltanto per rispondere all’aspettativa di giustizia dei familiari delle vittime, ma anche e soprattutto perché il persistere di interrogativi e zone d’ombra indebolisce la fiducia dei cittadini nella nostra democrazia.

In questo senso, fin dall’inizio di questa legislatura la Presidenza della Camera ha attivato molte iniziative per giungere alla desecretazione del maggior numero possibile di documenti su cui hanno operato in passato varie Commissioni di inchiesta. E’ stata inoltre approvata una legge che, introducendo il reato di inquinamento processuale e depistaggio, potrà contribuire a chiarire aspetti ancora oscuri di molte dolorose vicende che hanno insanguinato il Paese. Intendo oggi ribadire con forza e convinzione questo impegno per una politica saldamente ancorata ai valori di libertà e giustizia della nostra Carta Costituzionale. Le vittime delle stragi vanno onorate soprattutto con atti concreti di verità e di trasparenza”.

Il messaggio di Pietro Grasso
“E’ con profonda e sincera vicinanza umana e istituzionale che le scrivo nel giorno del trentasettesimo anniversario del disastro aereo che provocò a Ustica la morte di ottantuno persone. All’indescrivibile dolore provocato da una così grande tragedia si sono aggiunte rabbia e frustrazione, sentimenti condivisi da tutto il nostro popolo”. E’ quanto si legge nel messaggio che il Presidente del Senato, Pietro Grasso, ha inviato all’on. Daria Bonfietti, Presidente dell’Associazione Parenti delle Vittime della strage di Ustica.

“Le innegabili opacità di questi anni – aggiunge il Presidente Grasso – hanno fin ora impedito una ricostruzione complessiva degli eventi di quella notte. Non per questo possiamo abbandonare l’impegno perché sia fatta giustizia: dobbiamo anzi, proprio in questo triste giorno, ribadire la nostra volontà di non cedere alla rassegnazione”.

“La vostra Associazione – conclude il messaggio del Presidente del Senato – si è fatta carico del pesante fardello di ricordare alla coscienza del nostro Paese, e purtroppo anche alle sue Istituzioni, che mai potremo dirci soddisfatti fino a quando non avremo riscattato, attraverso la forza della verità e del diritto, la dignità di chi perse la vita e di quanti, da allora, soffrono la mancanza incolmabile dei propri cari”.

 

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi