Rassegna stampa del 4 luglio

ESTERI
 
Francia. Discorso programmatico di Macron: riconsiderare la spesa pubblica e non sottostare necessariamente alle regole di Bruxelles; ridurre di un terzo il numero dei parlamentari delle tre assemblee; introdurre una quota di proporzionale nella legge elettorale (Coen sul Ft)
 
FINANZA
 
Problemi per Caltagirone. Il Gruppo Caltagirone ha deciso di togliere dal listino di Borsa “la Caltagirone Editore” lanciando un’Opa sulla quota non controllata. I soci di minoranza, però, ricorrono alla Consob perchè ritengono troppo bassa l’offerta (Di Foggia sul Ft)
ECONOMIA
Fibra. Tommaso Pompei, ad Open Fibra: “Telecom sta cercando un partner nelle aree a fallimento di mercato? Basta una telefonata…” (int. sul Sole)
 
INTERNI
 
Orfini contro tutti. Il presidente del Pd cerca lo scontro: “Orlando vuole il referendum sull’alleanza con Berlusconi? Ne possiamo fare uno anche su Babbo Natale”. “Prodi? E’ faticoso discutere con uno che sta in una tenda. Inoltre i problemi di oggi nascono dalle politiche dell’Ulivo”. “Franceschini? Parla di alleanze ma i problemi sono altri”, etc…(Allegranti sul Fg)
 
Frontale. Pure Renzi alza il livello dello scontro e fa sapere che ci saranno pochissime deroghe al limite di tre mandati. Praticamente fuori molti franceschiniani ma anche Cuperlo (3), Latorre (4), Sereni (4), Tonini (4), Sposetti (5), Zanda (4), Damiano (3), Fioroni (5), Pollastrini (5), Chiti (4). Si salvano solo Gentiloni e pochi ministri (Lopapa su Rep)
 
Insieme. Pisapia e Bersani d’accordo sul tener fuori la sinistra dall’alleanza (Delgado sul Dubbio)
 
Campanello d’allarme. Sala: “Ho detto a Renzi che le amministrative sono state un campanello d’allarme ma lui non ci sente. Ha un modo di fare indisponente: speriamo che non indisponga pure gli elettori…” (int. sul Cds)
 
Emiliano alza il prezzo. Il Governatore pugliese vede Renzi in difficoltà e attacca: “Il decreto sulle banche è invotabile: tradisce i risparmiatori e comporta per lo Stato un onere spaventoso” (Guerzoni sul Cds)
 
ROMA
 
M5s. Sulle nomine di Barrera e Castrucci, guerra aperta fra il vicesindaco Bergamo e i consiglieri grillini (Vitale su Rep)
 
Ambulanti. Gli ambulanti bloccano il traffico sul lungotevere per chiedere modifiche al regolamento delle licenze. Il Campidoglio cede (Mozzetti sul Msg)
 
Frangar, non flectar. Il fratello di Marra ripresenta la domanda per andare a dirigere il Dipartimento Turismo del Campidoglio, la stessa nomina per la quale Raggi è indagata. Tante volte stesse sfidando la sindaca? (Canettieri sul Msg)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi