Sistema operativo Rousseau: Presentata la “call to action” del M5s

“La rivoluzione” del M5S si arricchisce di un altro tassello: la funzione ”call to action’ è attiva da un mese ed è stata presentata oggi alla Camera. Più di 200 le proposte presentate dai cittadini.

Ma di cosa si tratta? Gli iscritti al sistema operativo Rousseau possono proporre un’iniziativa utile al proprio territorio, completando una scheda online in cui vanno inseriti titolo dell’evento, luogo e data, più il tipo di categoria. Dopo di che iscritti e non, possono scegliere se parteciparvi o meno con un semplice clic. Si può scegliere l’appuntamento in base alla categoria o al territorio.

Call to Action è la realizzazione di un progetto di Gianroberto Casaleggio e nasce con l’idea di condividere il tempo, trasformandolo in una risorsa globale condivisa in modo da creare un surplus cognitivo allo scopo di generare un vantaggio sociale per il territorio“, spiega la consigliera Cinquestelle di Pescara Enrica Sabatini, responsabile di E-learning Rousseau. Esempio: “Abbiamo attive delle proposte di gruppi per donare il sangue oppure di commercialisti che offrono percorsi formativi“. Ma chi controlla i contenuti per evitare abusi? “Ci siamo io, Enrica, Di Battista“, chiarisce Roberto Fico responsabile della nuova funzione insieme ad Alessandro Di Battista. “Le regole sono molto semplici e chiare“, aggiunge Sabatini.

I due pentastellati non escludono che potranno capitare tentativi di strumentalizzare la funzione online per risvolti economici diretti o indiretti, tuttavia garantiscono che un controllo ci sarà. Non saranno possibili comportamenti chiaramente in contrasto con lo scopo di Call to Action, mentre saranno tollerati i vantaggi economici secondari che potrebbero derivare per esempio dal fatto che un commercialista offre un corso gratuito, ma se è competente ne ricava un vantaggio in termini di pubblicità. Di fatto, la “chiamata all’azione” ha il dichiarato scopo di incrementare nella base “la collaborazione e la socializzazione”, fico4diventando l’equivalente in rete dei Meet Up nati nel 2005, e va a completare l’idea di partito 2.0 introdotta dal M5S. E’ lo strumento pensato dai Cinquestelle per raggiungere il ‘territorio’ dove il Movimento ha più difficoltà a diramarsi, come ha dimostrato il voto delle amministrative. E, se i modi in cui il mezzo potrà essere usato aprono più di un interrogativo, vero è che, come sottolinea il senatore Nicola Morra, la facilità dell’uso può contrastare fenomeni quali “il tipico individualismo del Sud” e creare comunità. Nelle intenzioni di chi lo ha ideato, Call to action “dà una possibilità in più“, rispetto ai Meet up, per migliorare la vita del proprio Comune a partire dal principio che ‘ciascuno è sindaco del proprio metro quadro’. “Rousseau – ricorda Fico – è un grandissimo sforzo per applicare quello che disse Gianroberto Casaleggio e arrivare a una democrazia diretta applicata. E’ uno sforzo eccezionale per aprire nuove strade in un Paese in cui è difficile farlo“.

I pentastellati insistono sul concetto di rivoluzione culturale e sottolineano come Call to action ne sia uno strumento. Ma gli strumenti non sono mai neutrali perché vanno manovrati, come dimostra il caso di Napoli dove il 16 giugno è stato annullato con una mail inviata dal sistema operativo l’incontro organizzato su Call to action dai Cinquestelle espulsi e poi riammessi nel Movimento da una sentenza del tribunale. I dissidenti si erano dati appuntamento alle 17.30 in un bar di Piazza San Vitale per chiedere “la prima assemblea nazionale degli iscritti e dei simpatizzanti M5S” per discutere di temi caldi quali lo Ius soli. Sulla mancata consultazione degli iscritti sulla cittadinanza agli stranieri, Roberto Fico, interpellato in merito, ha risposto che “si tratta di un tema importantissimo a cui va data una risposta “intelligente, fuori dalla pancia del Paese“.

Il video integrale della conferenza stampa

E.G.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi