Rassegna stampa del 21 luglio

ECONOMIA
 
Trasporti. L’aumento dei trasporti via nave e via treno stanno erodendo sempre più mercato all’autotrasporto (MF)
 

INTERNI

 
Colpa di Raciti. Renzi butta le mani avanti e già scarica sul segretario regionale siciliano del Pd la colpa del probabile flop alle elezioni regionali (Meli sul Cds)
 
Come osi indagare. L’ex consigliere della regione Lazio Carlo Ponzo ha presentato ricorso per conflitto di attribuzione alla Corte Costituzionale contro la Procura di Roma. Per Ponzo l’attività della Procura è “lesiva” perchè indaga sulla gestione dei fondi destinati ai gruppi consiliari i quali, secondo lui, hanno invece autonomia di scelta (Pistilli su Rep)
 
EX MAFIA CAPITALE
 
Marino. L’ex sindaco: “Sembrava che il Pd volesse affidarmi la rigenerazione del partito poi Renzi si rivolse a Orfini che gli garantiva totale asservimento. Sono due professionisti della politica in senso deteriore” (int. sulla St)
 
Compensazione. Odevaine: “I giudici mi hanno triplicato la pena perchè, avendo tolto l’aggravante mafiosa, dovevano in qualche modo compensare il torto subito dalla Procura” (int. sul Ft)
 
Senza pudore. Orfini: “Il Pd romano è rigenerato e bonificato” (int. sulla St)
 
Vittoria del Pd. In totale sono stati comminati 28 anni di pena a esponenti del Pd e 24 a quelli del centrodestra. Ma non era tutta colpa di Alemanno? (Bechis sul Tempo)
 
Effetti collaterali. Quasi tutte le gare e gli appalti sono fermi per via delle inchieste: nessun dirigente mette più la firma. Servizio giardini al collasso (De Cicco sul Msg)
 
Percezione sociale. Fiandaca: “Il mancato riconoscimento dell’aggravante mafiosa cambia poco in termini di percezione sociale: la città era comunque dominata da bande di criminali. C’è poco da dolersi per il presunto alone di discredito gettato sulla città (int. sul Msg)
 
Schemi rigidi. E’ probabile che il Tribunale abbia negato l’aggravante mafiosa perchè si è irrigidita negli schemi tradizionali… (Caselli sul Ft)
 
Brindisi. Gli avvocati di Carminati festeggiano la condanna a 20 anni di galera (Bianconi sul Cds)
 
ROMA
 
Assestamento di bilancio. I revisori dei conti del Campidoglio non hanno bocciato l’assestamento di bilancio ma mettono per iscritto 20 criticità (De Cicco sul Msg)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi