Migranti: solo 8220 ricollocamenti da settembre

Sono solo 8220 i richiedenti asilo ‘ricollocati’ in totale dall’Italia verso altri Paesi europei, mentre il meccanismo di relocation obbligatorio approvato dal Consiglio del’Unione europea due anni fa (a partire dal 25 settembre 2015) si avvicina alla scadenza prevista per il prossimo 26 settembre.

La decisione per aiutare l’Italia e la Grecia ad affrontare il flusso massiccio di migranti, aveva previsto la ricollocazione dai due Paesi, su un periodo di due anni, di 120mila persone in bisogno di protezione internazionale. Dei richiedenti finora ricollocati dal nostro Paese, secondo i dati del ministero dell’Interno aggiornati al 28 agosto, 7.457 sono adulti, 743 sono minori, e 20 minori non accompagnati. Ad accoglierli sono stati finora 19 Paesi. Lo Stato verso cui si sono effettuati più trasferimenti è la Germania, che ha accolto 3.215 richiedenti, seguito da Norvegia (816), Svizzera (779), Finlandia (755), Olanda (714) e Svezia (513). Il Paese che ne ha accolti di meno è l’Austria, con 15 trasferimenti, seguito da Croazia (18) e Lettonia e Lituania, con 27 trasferimenti ciascuno. Nessun ricollocamento, invece, verso Ungheria e Slovacchia, che avevano presentato un ricorso contro il meccanismo di relocation obbligatorio, respinto oggi dalla Corte di giustizia dell’Ue.

L’Ungheria non ha mai adottato il piano, la Slovacchia invece ha una sola richiesta di trasferimento dal nostro Paese a cui ancora non ha dato la sua approvazione. Sono 1.148, in totale, le richieste in attesa di approvazione da parte di 16 Paesi. Mentre sono 1.072 le richieste approvate ma in attesa che venga effettuato il trasferimento, verso 12 Paesi. Le altre richieste istruite sono 1.073, mentre il Viminale calcola altri 2.500 potenziali beneficiari ulteriori del piano.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi