Ddl whistleblower: Cantone lamenta lo stop in Comm. Affari costituzionali Senato

Il Whistleblower denuncia illeciti sul lavoro e facendolo si espone a licenziamenti, mobbing o isolamento, anche se alza un argine contro la corruzione. Una traduzione esatta del termine in italiano non esiste e forse perché “l’istituto fa fatica a essere inserito nel nostro panorama culturale“, spiega il presidente dell’autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone. Una norma che tuteli chi denuncia è ferma al Senato da più di 600 giorni. Per sollecitarla ‘Riparte il futuro‘ e ‘Transparency International Italia‘ sono scesi in piazza oggi a Roma.

In realtà la legge anticorruzione (190/2012) ha già introdotto un articolo specifico sul whistleblowing nel settore pubblico. Tuttavia, quest’unico articolo non sembra sufficiente a regolare una materia così complessa e non prevede strumenti o istituti che incentivino le segnalazioni. Soprattutto non tratta in maniera efficace la protezione del segnalante. Una legge offrirebbe una tutela legale per i lavoratori che denunciano irregolarità nel caso questi subiscano una ritorsione da parte del denunciato. I dati però dimostrano che i lavoratori che sporgono denuncia, da quando è entrata in vigore la legge 190/2012, sono aumentati in maniera esponenziale. Si è passati da 16 segnalazioni nel 2014 a 252 nel 2016 fino a 263 segnalazioni solo nei primi 5 mesi del 2017.

Il ddl a tutela dei whistleblowing è stato già discusso e approvato alla Camera il 21 gennaio 2016. Da allora è ancora fermo in commissione Affari costituzionali al Senato.”La nostra presenza qui – afferma Cantone – serve a ribadire che la riforma per noi è indispensabile. Il soggetto che mette la faccia per denunciare irregolarità sul lavoro è necessario che vada tutelato. Le esperienze pratiche dimostrano che chi denuncia è isolato all’interno e all’esterno. Chi collabora viene spesso considerato un delatore. Per questo serve la legge, dobbiamo tutelare chi ha il coraggio di metterci la faccia“.

G.M.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi