Rassegna stampa dell’11 ottobre

UE
Eurogruppo. La presidenza dell’Eurogruppo è l’unica poltrona di peso rimasta ai socialisti. Padoan pronto a scendere in campo pur di non cederla al francese Le Maire (Bresolin sulla St)
 
ECONOMIA
Tap. Via libera della Consulta al gasdotto: respinto il ricorso della Regione Puglia (Bassi sul Msg)
Bollorè abbassa la testa. Il boss di Vivendi ora tratta con Mediaset visto che sarà Berlusconi l’interlocutore politico al prossimo giro. Ma pagherà un prezzo salato (Bennewitz e Fontanarosa su Rep)
 
Ferrovie Usa. Fs perdono la gara di appalto in Usa (battuti dai tedeschi). Delrio: “È tempo di occuparsi dei treni dei pendolari piuttosto” (Vesentini sul Sole)

LEGGE ELETTORALE
Ottimismo. Bonaccorsi: “Con questa legge il Pd a Roma prende zero collegi. Non so se mi spiego”. Lauricella: “In Sicilia rischiamo un altro 61 a 0” (De Marchis su Rep)

Previsioni. Con il Rosatellum Pd e Forza Italia avrebbero la maggioranza ma l’incognita Lega potrebbe far saltare i piani di Berlusconi e Renzi (Verderami sul Cds)
Pisapia contrario. “Una pessima legge portata al voto con un pessimo metodo”. Amen (Casadio su Rep)
Ci rimette Gentiloni. Renzi è riuscito a scaricare in buona parte sul governo la colpa della fiducia sulla legge elettorale (Conti sul Msg)
 
Le rimostranze di Napolitano. I dubbi di Napolitano tradotti dal politichese al napoletano (da non perdere Palombi sul Fatto)
 
INTERNI
Pd Bologna. Tessere fantasma, faide, ricorsi, veleni: il congresso del Pd di Bologna lacera il partito (ironia della sorte le tessere fantasma nell’ex circolo di Prodi sono 101). Forse era meglio quando il segretario si decideva a Roma (Bignami su Rep)
 
Regionarie Lazio. Proteste degli esclusi e cause legali già pronte. Proteste anche dei votanti sia per per le poche ore a disposizione per “valutare i curriculum” sia per i problemi tecnici con la piattaforma (Canettieri sul Msg)
 
M5s Sicilia. Anche il M5s Sicilia non è da meno rispetto agli altri partiti in quanto a clientelismo nelle liste dei candidati (Lombardo sulla St)
 
ROMA
Troppo tardi. Marra salda il “debito” (per i pm una tangente) con Scarpellini: gli restituisce 228 (su 367mila). La restituzione arriva a processo in corso ma per il pm non cambia l’impianto accusatorio (Di Corrado e Lupino sul Tempo)
 
Atac. L’assessore ai Trasporti Meleo in audizione al Senato: “Tutta colpa della Regione”. Replica della Pisana: “Leggi i numeri” (Giuffrida e D’Albergo su Rep)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi