Startup e ICO – Finanziare l’innovazione ai tempi della Blockchain. Il convegno a Montecitorio

Mentre centinaia di aziende e startup decidono di scappare dall’Italia a causa dell’elevata tassazione e delle minime opportunità nel ricevere finanziamenti per lo sviluppo, esiste un fenomeno in fortissima crescita che sta dando opportunità a chi sa sfruttarle.

Ci riferiamo al mondo della Blockchain, con particolare attenzione alle ICO (Initial Coin Offering – una modalità innovativa di raccolta fondi per il sostengo di un progetto imprenditoriale), che stanno aiutando molte aziende a svilupparsi e crescere attraverso l’autofinanziamento dei relativi progetti, riuscendo a ricevere liquidità inimmaginabili con i tradizionali strumenti di sostegno alle startup.

A questo proposito, l’Onorevole Marco Baldassarre ha presentato alla Camera dei Deputati “Startup e ICO – Finanziare l’innovazione ai tempi della Blockchain”, un convegno nella prestigiosa sala dedicata ad Aldo Moro, sul tema dell’innovazione.

L’evento è stato un momento dialogo fra l’ecosistema della Blockchain e la politica, troppo spesso incapace di comprendere il rapido evolversi della tecnologia. L’incontro è stato quindi un importante momento di confronto formativo tra gli esperti del settore e le istituzioni, toccando temi quali Alt coin, App coin, Dao/Code, ponendosi anche importanti interrogativi sulla security e sui limiti di protezione territoriale.

Le ICO stanno cambiando letteralmente i paradigmi a cui siamo spesso abituati – dichiara l’on. Baldassarre -. Se pensiamo che una ‘classica’ startup che vuole ricevere dei finanziamenti, molte volte, deve partecipare a dei bandi pubblici dove le viene richiesto di tutto di più. Solitamente si va da un business plan dettagliato, una struttura societaria ben definita, prototipi e brevetti magari depositati, e tutto questo per avere qualche decina di migliaia di euro da restituire magari a interessi zero.

Stefano Capaccioli, presidente di Assob.it ed esperto del mondo fiscale e legale relativo alle blockchain, ha dichiarato: “Per conoscere a fondo la blockchain, occorre studiarla. Dobbiamo evitare che una scelta politica errata possa portare l’Italia al ‘deserto’ imprenditoriale nel settore.”

Da quanto emerso al convegno, delle tre startup intervenute solo Unico ha avviato un percorso di ICO attraverso scrupolose fasi di analisi e revisione del progetto, puntando a elevati standard di affidabilità scelti non per via della normativa vigente in Italia, in quanto la legislazione attuale è praticamente inesistente.

A parlare delle opportunità, dei vantaggi e degli eventuali rischi offerti dalle ICO, sono intervenuti: Andrea Medri di TheRockTrading, Claudio Parrinello di Unico,  Lorenzo Giustozzi di ChainSide, Guido Turricchia di HelperBit. L’evento è stato moderato da Agostino Formichella di Ecodaipalazzi.it.

Per vedere il filmato integrale clicca qui.

 

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi