Rassegna stampa del 12 ottobre

UE

 
Nomine. Partita la corsa alla successione di Dijsselboem per la presidenza dell’Eurogruppo. Spunta il nome di Padoan (D’Argenio su Rep)

ECONOMIA
 
Addio “fallimento”. È diventata legge la riforma del diritto fallimentare: via il concetto di “fallimento” sostituito da quello di “liquidazione giudiziale” (Grignetti sulla St)
 
Cdp. Ma dove investe Cassa Depositi e Prestiti i suoi 340 miliardi? (Puledda su Rep)
 
Finanziaria. Prolungata la rottamazione delle cartelle (Bassi e Cifoni sul Msg)
 
LEGGE ELETTORALE
 
Umori. Oceano di correnti contrapposte in Transatlantico. Piero Martino: “I dem dei zombie che camminano”. Bianconi rivolto a Rosato e Giacomelli: “Siete dei democristiani di m…” (Guerzoni sul Cds). Chiti: “Gentiloni si era impegnato a tenere fuori il governo dalla discussione sulla legge elettorale…” (int. sul Matt)
 
Forza Italia. Malumori dentro Forza Italia. Fra gli scontenti: i campani, i deputati del Nord (marginalizzati da Salvini), chi non si sente coccolato da Berlusconi e chi non sopporta Ghedini. Più chi ha la certezza di non essere ricandidato (Pucci sul Msg)
 
Piazze. Poca gente (sopratutto deputati e nostalgici) alla manifestazione di Mdp mentre a Montecitorio si sono ritrovati grillini, forconi, no vax, sardisti e poliziotti in protesta perchè sottopagati. Una signora a Nichi Vendola: “Er pupo come sta?” (Ajello sul Msg)
 
Candidature all’estero. Emendamento dei centristi: anche i residenti in Italia potranno candidarsi all’estero. L’on. Laffranco: “E’ una scelta del Pd per candidare Verdini all’estero”. L’on. Bueno: “Se Verdini pensa di candidarsi in Brasile ha sbagliato di grosso” (Lopapa su Rep)
 
INTERNI
 
Metodo Gentiloni. Fare tutto quello che vuole Renzi ma solo se c’è l’ok di Mattarella. Così si garantisce il posto da premier anche per la prossima legislatura (Feltri sul Fatto)
 
Orfini esperto di telecomunicazioni. Anche Orfini dice la sua nella partita Vivendi-Telecom-Mediaset: “… si dovrebbe consentire a Vivendi di rinunciare al fardello del controllo e  all’obbligo conseguente di consolidare il debito in bilancio, per concentrarsi sul progetto strategico di negoziare con Mediaset…” (Montanari su MF)
 
L’emerito e l’eremita. Napolitano non ha realizzato che non è più il Presidente della Repubblica e quindi non si rende conto che sta compiendo delle entrate a gamba tesa sulle prerogative di Mattarella (Marino sul Gn)
 
Questione di stile. Il Pd non ha ancora invitato Prodi alla festa per il decennale della nascita (Ajello sul Msg)
 
ROMA
 
Atac. L’Atac nomina con procedura d’urgenza (e quindi senza bando pubblico) il “revisore legale” cioè la figura che per legge deve certificare la veridicità dei dati. Una nomina di cui si sapeva la necessità già il giorno dopo la richiesta di concordato ma che è stata rinviata all’ultimo giorno utile… (Vitale su Rep) 
 
Piano Calenda. Valeria Baglio: “Possibile che il Pd Roma non svolga un ruolo attivo in questa iniziativa di Calenda? Parlateci voi giornalisti con Casu perchè a me non risponde…” (int. sul Foglio)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi