Intercettazioni, il Governo vara la riforma

Dopo vent’anni di polemiche che hanno diviso le forze politiche e avuto ricadute anche pesanti nei rapporti con la magistratura e la stampa, il Governo è arrivato a trovare un accordo per riformare le intercettazioni, strumento fondamentale per le indagini, garantendo il giusto equilibrio fra interessi primari tutelati dalla Costituzione: la segretezza della corrispondenza e il diritto all’informazione, codificato nell’articolo 21 della Carta. Oggi è arrivato infatti il primo via libera del Consiglio dei ministri al decreto legislativo che attua la legge delega del 2017: è stato lo stesso presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, a dare l’annuncio dell’approvazione al termine della riunione, assieme al guardasigilli Andrea Orlando. Una riforma che “senza ledere il diritto di cronaca evitera’ gli abusi”, ha spiegato Gentiloni. “Il provvedimento affronta un tema annoso, non restringe la facolta’ dei magistrati e delle forze dell’ ordine di utilizzare le intercettazioni  nelle indagini, anzi, in un passaggio rende piu’ semplice la richiesta intercettazioni per i più gravi reati contro la pubblica amministrazione e non interviene sulla libertá di stampa e il diritto di cronaca“, ha aggiunto il ministro Orlando, puntualizzando che “i vincoli introdotti non restringono lo strumento di indagine, ma riducono il rischio delle fughe di notizie quando non sono legate a fatti penalmente rilevanti“.

La riforma interviene infatti sulla selezione del materiale di intercettazione: quello ritenuto irrilevante per le indagini, infatti, non dovra’ essere neanche trascritto. Il vaglio passerà attraverso la polizia giudiziaria, il pm titolare dell’inchiesta, se necessario con un contraddittorio con i difensori, per essere infine definito dal giudice delle indagini preliminari. Contro le intercettazioni fraudolente viene introdotto uno specifico reato, punito con la reclusione fino a 4 anni. La responsabilità di custodia degli ‘ascolti’ sarà del pubblico ministero, che dovrà gestire un ‘archivio riservato’. Per tutelare la privacy, inoltre, negli stessi atti giudiziari si potranno riportare “ove necessario” solo i “brani essenziali” delle intercettazioni. Queste potranno essere captate nei domicili anche attraverso ‘virus-spia’, come il Trojan, per i reati di terrorismo e mafia o nel caso in cui sia in atto un’attivita’ criminosa. Altrimenti il magistrato sarà chiamato a motivarne l’utilizzo. Infine, sarà più snella la procedura di autorizzazione di intercettazione per i reati piu’ gravi contro la Pubblica amministrazione commessi da pubblici ufficiali. Uno stop riguarderà gli ‘ascolti’ difensori e i loro assistiti.

Il decreto passa ora all’esame delle Commissioni parlamentari competenti per poi tornare al vaglio del Governo per il via libera definitivo.

 

 

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi