Governo, “Di Maio e Salvini lasceranno spazio a terza figura”

Centrodestra guidato da Salvini che si accorda con Di Maio che, raggiungendo un compromesso, lascia il timone del governo a una ‘terza figura’. E’ il quadro tracciato dall’ex leader di Ala e ‘teorico’ del Patto del Nazareno, Denis Verdini, intervenuto questa mattina a “Circo Massimo” per commentare il risultato delle elezioni e i prossimi passaggi politico-istituzionali.

“Teoricamente – ha premesso riferendosi al ruolo defilato assunto dal Pd in questa fase – tutti possono rientrare in gioco. Ma, quello che è accaduto sulla nomina dei presidenti di Camera e Senato, mi pare abbia avviato un ragionamento tra il centrodestra, guidato da Salvini, e il M5S. Io penso che saranno loro a fare il governo. Certo per governare occorre trovare dei punti d’incontro, fare un compromesso, non mi pare difficile se si leggono le dichiarazioni”.

“Per fare un governo occorrerà abbandonare i punti di principio e ‘sporcarsi le mani’ se si vuole portare avanti la legislatura, cosa che tutti i parlamentari eletti vogliono fare, dato che a nessuno di loro piacerebbe tornare a votare due-tre mesi dopo le elezioni. Questo è anche legittimo in un Parlamento rinnovato per due terzi. Occorre superare quell’atteggiamento che si ha quando si sta all’opposizione, quando si dice ‘no’ e basta. Stare al governo è un’altra cosa”.

“E’ chiaro – ha continuato Verdini – che Di Maio non vuol fare il secondo a Salvini e viceversa. Quindi tutti e due dovranno fare un passo indietro, fare ancora un compromesso, troveranno un terzo e loro possono fare i ministri o i vice presidenti del Consiglio, non è la prima volta che succederebbe”. Tuttavia non sarà un cammino breve su una strada levigata. Ci vorrà del tempo – prevede – assisteremo alla sceneggiata dei no ma prima dell’estate penso che avremo un governo sostenuto da centrodestra e M5S ma non credo che durerà tutta la legislatura. Mi pare difficile ma può darsi che nel corso del tempo si rafforzi, per ora lo vedo come una cosa a termine per fare certe cose”.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi