Il passo della Lega: chiedere con Salvini il pre-incarico a Mattarella

Matteo Salvini è determinato a dimostrare di aver provato tutte le strade per arrivare alla risoluzione del rebus ‘post 4 marzo’. E, dopo il passo di lato sulla premiership cui si è detto pronto prima ancora dell’accordo coi 5 stelle per l’elezione dei presidenti delle Camere, insiste nel voler fare l’annunciato “passo avanti” chiedendo a Sergio Mattarella di affidargli un pre-incarico di governo, malgrado consideri l’operazione in salita, con il capo dello Stato che avrebbe chiarito a tutti i partiti di non voler assecondare ‘operazioni al buio’ e di pretendere numeri certi, forniti in anticipo. Il segretario leghista , si spiega, “intende rispettare fino in fondo l’impegno con gli elettori ed e’ pronto a prendere un pre incarico dal presidente Mattarella, se decidesse in questo senso”.

Salvini viene descritto come “pronto ad andare in Parlamento e, sulla base di un programma, chiedere il sostegno ai parlamentari delle altre forze politiche“. Tra i punti del programma citati: controllo dell’immigrazione, introduzione della flat tax, di misure di sostegno al reddito, abolizione della legge Fornero e riforma della giustizia.

L’auspicio è che ci sia una convergenza da parte dei 5 stelle o comunque da un gruppo di deputati e senatori che condividano il progetto“, si precisa. Ed è, in parte, questa la novita’: l’apertura del leader leghista all’ipotesi di sostegno da parte di un gruppo di cosiddetti ‘responsabili’, obiettivo avanzato da settimane da Silvio Berlusconi. Ma in ambienti leghisti si conferma che “è esclusa ogni tipo di alleanza con il PD”.

Non è un caso, dunque, che Salvini ‘posti’ su Facebook un video programmatico del 2016. “Le nostre proposte su immigrazione, pensioni e abolizione della legge Fornero, sostegno alle famiglie e alla natalita’, rivoluzione fiscale con la tassa unica, difesa del made in Italy. Coerenza e idee chiare, da anni, credo che alla fine paghino“, rivendica il segretario leghista.

Chi ha trascorso la mattinata con lui negli uffici di via Bellerio lo descrive “molto sereno”, preoccupato dalla convocazione delle consultazioni di lunedi’ piu’ perche’ dovrà rinviare una trasferta gia’ in programma a Parma che per gli esiti di questa trattativa per la quale è convinto di aver dato tutto.

A due giorni dal terzo giro di consultazioni, ultima chance data ai partiti dopo i tentativi di Mattarella e le esplorazioni di Elisabetta Casellati e Roberto Fico, il segretario leghista torna poi sulle barricate per ribadire il suo impegno contro la formazione dell'”ennesimo governo servo di Bruxelles”. “Mentre in Italia si litiga e si aprono e si chiudono i ‘forni’, la Commissione Europea propone un bilancio che toglie 2 miliardi di euro agli agricoltori italiani nei prossimi sette anni, e altri 2 miliardi ai Comuni italiani, per finanziare con 10 miliardi in piu’ le politiche a favore dell’immigrazione”, scrive su Facebook. “Qualcuno vuole che nasca l’ennesimo governo servo di Bruxelles. Io voglio guidare un governo che cominci a dire no alle eurofollie e metta al primo posto l’interesse dell’Italia”. “Da un mese non tocco una sigaretta! Sono stufo di litigi, polemiche e perdite di tempo, spero di non arrabbiarmi troppo nei prossimi giorni, senno’ mi tocchera’ ricominciare #andiamoagovernare oppure #sitornaavotare”.

Della formazione del governo e delle candidature in vista delle comunali del 10 giugno, Salvini sta parlando coi i ‘big’ del partito in una riunione in corso del consiglio federale nella sede di via Bellerio.

Intanto, è il neo eletto governatore friulano, Massimiliano Fedriga, a fornire qualche particolare in piu’ sulla linea del Movimento. Fedriga torna a escludere che la Lega possa dare vita a un esecutivo insieme al PD. “Si puo’ fare solo un governo a tempo per la legge elettorale. Tendo a rimarcarlo“, scandisce. “Ma non lo dico perche’ non mi piace il simbolo del partito democratico o mi sta antipatico qualcuno. Lo dico perché lo diciamo dal 4 marzo: l’unica via percorribile è decidere cosa fare per il Paese e mettere in campo gli impegni presi il 4 marzo“, spiega. “E penso che gli impegni che abbiamo preso noi, sono incompatibili rispetto alle posizioni prese dal Pd“.

Nel caso di un governo istituzionale di tutti, il cosiddetto governo del presidente? “Tendo ad escludere anche questo. Non vedo alternative. Non è possibile pensare di fare un’azione di governo condivisa con il Pd“, insiste. “Ovviamente se, invece, ci fosse un governo dove partecipino anche i Cinque Stelle per riscrivere o mettere a punto la legge elettorale, per garantire una maggioranza e andare al voto, allora deciderà il presidente Mattarella. Se serve un governo per fare una legge elettorale fino ad ottobre, l’unica cosa che si puó fare è quella“.

 

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi