Rassegna stampa 8 maggio 18′

ECONOMIA

Ilva. Ue da l’ok all’acquisizione dell’Ilva da parte di Arcelormittal. Il rischio di concentrazione sarà evitato con l’uscita di Marcegaglia dal consorzio (Meneghello sul Sole)

Telecom. È arrivata sul tavolo di Gentiloni la proposta di multa a carico di Telecom per la violazione degli obblighi sulla normativa sui poteri speciali (Dominelli sul Sole)

INTERNI

Andata male. Renzi era sereno perchè convinto che si sarebbe formato un governo Lega-M5s con l’astensione (in cambio di una ricca contropartita) di Forza Italia. Ma Berlusconi ha detto niet e, oltre a Renzi, a disperarsi per le elezioni anticipate sono gli stessi deputati forzisti (Verderami sul Cds)

C’è modo e modo. I “no” di M5s e Lega al Quirinale sono stati di una volgare brutalità (Breda sul Cds). Sono dei “no” che delegittimano il Quirinale: in passato un appello del genere avrebbe suscitato unanimità. Una mancanza di rispetto che crea un precedente pericoloso (Folli su Rep)

Governo del Presidente. Obiettivo di Mattarella creare una squadra di ministri che metta in difficoltà Lega e M5s. Un premier donna potrebbe aiutare (De Marchis su Rep)

Pd. Per una questione di tempi, in caso di elezioni a luglio, a eleggere il nuovo segretario Pd sarà necessariamente l’Assemblea già convocata per il 19 e 20 maggio (Guerzoni sul Cds).

Prigionieri. Di Maio e Salvini prigionieri della loro demagogia: si affidano alla palingenesi delle urne non sapendo come risolvere i problemi reali (Tito su Rep)

Questione di sopravvivenza. Renzi concede che il nuovo segretario sia frutto di una scelta condivisa ma le liste le vuole decidere lui. E se lo fanno innervosire imporrà le liste attraverso la direzione (Ciriaco su Rep)

Segnali. Gentiloni da Fazio ha parlato di ricostruire un’ampia coalizione di centrosinistra. Corollario: non può essere Renzi a guidarla (Meli sul Msg)

Nomine. Scontro fra Gentiloni e Padoan sulla nomina a direttore generale del ministero del Tesoro: Padoan vuole Fabrizio Pagani ma è membro di troppi di consigli di amministrazione di società a controllo pubblico e per questo Gentiloni ritiene la nomina “inopportuna” (Tecce e Feltri sul Ft)

Onestà. Il Comune di Torino affida un incarico da 5 mila euro per 80 ore di lavoro al portavoce della Appendino. Il M5s si aggrappa agli specchi (Longhin e Ricca su Rep)

M5s. Per Di Maio votare a luglio è fondamentale per evitare che nel movimento fiorisca un’altra candidatura a premier nel M5s (Cuzzocrea su Rep)

Forza Italia. Berlusconi vuole votare in autunno perchè nel frattempo è attesa la sentenza sulla sua riabilitazione (Vitale su Rep)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi