M5S: no opere inutili, pietra tombale su Tav e chiusura Ilva

“Il denaro pubblico va investito sulle vere priorità del Paese. Non sulle opere inutili e dannose. È stata sempre dritta la barra del MoVimento 5 Stelle e continua ad esserlo. E chi vuole leggere altro nel contratto sbaglia“. È quanto si legge sul blog delle stelle in un post dal titolo “L’era delle grandi opere inutili è finita” a firma Movimento 5 Stelle.

Il M5S ricorda che “l’abbiamo scritto nero su bianco: il Tav in Valsusa va completamente ridiscusso. Ci impegniamo a ridiscuterne integralmente il progetto nel rispetto dell’accordo Italia Francia. È la pietra tombale di un’opera inutile e profondamente dannosa per il Paese contro la quale siamo sempre stati in prima fila accanto al popolo NoTav che proprio oggi fa festa”.

Sul blog c’è l’annuncio che “da Rosta ad Avigliana è prevista la marcia che ribadirà il No al Tav. E anche per noi oggi è un giorno di festa perché per la prima volta l’Italia invertirà la rotta e non sarà più sottomessa alle lobby del cemento e delle opere inutili. Il contratto votato in rete darà solo forza alle nostre posizioni. Ieri in molti hanno criticato apertamente i contenuti del contratto, volendo leggere nell’assenza di un elenco di opere puntuali un implicito retrofront verso battaglie storiche che ci hanno visto nelle piazze, accanto alle associazioni e ai comitati”.

Nel contratto, continua il post, “c’è scritto chiaramente che si lavorerà per la chiusura dell’Ilva, per l’introduzione di un modello di gestione dei rifiuti che cancellerà lo Sblocca Italia, che finanzieremo una rete di colonnine elettriche per le ricariche delle auto, che nelle nostre intenzioni darà impulso a un mercato che dovrà soppiantare il gasolio, e che ci sarà una premialità fiscale per le produzioni meno impattanti”

M5S continua sostenendo che “semplificheremo le modalità e i tempi delle bonifiche, preserveremo il territorio mirando allo stop per il consumo di suolo, combatteremo il dissesto idrogeologico prevenendo e prendendoci cura delle nostre coste e delle nostre città. Che l’acqua dovrà tornare pubblica nel rispetto del referendum del 2011. Che le azioni di governo saranno improntate all’economia circolare, che optiamo per la riduzione dei rifiuti, il riciclo, il riuso per un ciclo virtuoso dell’uso delle materie prime. Che defossilizzeremo e decarbonizzeremo con gli obiettivi di cui tanto abbiamo parlato e anche votato in rete. Sono le sfide del MoVimento 5 Stelle! Sono le nostre battaglie! Ed è tutto scritto nel contratto”.

“”Sì ma non c’è il terzo valico”, “sì ma non c’è il Tap o lo Snam”. “Sì ma non si parla di trivelle”. Non c’è l’elenco puntuale delle singole opere, viene detto. È un contratto di governo – chiarice il movimento – che unisce i puntini tracciati da due programmi elettorali. Per tutte le opere non esplicitamente citate la discussione è rimandata al comitato di conciliazione dove il M5S continuerà a ribadire la sua contrarietà. Dove continueremo a combattere per i nostri valori, non arretrando di un centimetro”.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi