Conte si presenta: “Sarò l’avvocato difensore d’Italia”

Dopo quasi due ore di colloquio, Sergio Mattarella conferisce l’incarico a Giuseppe Conte, nome indicato da Luigi Di Maio e Matteo Salvini dopo settimane di trattative. Il giurista accetta l’incarico con riserva e annuncia che svolgerà un giro di consultazioni con le forze politiche, per poi tornare al Colle “nei prossimi giorni e sciogliere la riserva” e presentare al Capo dello Stato la lista dei ministri. Conte si presenta ai giornalisti nella sala stampa del Quirinale e parla per circa 4 minuti.

Sarò l’avvocato difensore dell’Italia“, scandisce. Quindi, mette subito in chiaro che l’Italia resta saldamente in Europa e conferma la sua posizione in ambito internazionale. Ma mette subito in chiaro anche un’altra cosa, questa volta tutta politica: il programma con cui si presenterà davanti alle Camere per chiedere la fiducia si baserà saldamente sul contratto di governo e sulle intese sottoscritte da Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il giurista e professore di diritto, al centro di un’aspra polemica sul suo curriculum, e accusato di essere un mero esecutore, tiene a specificare che il suo ruolo non sarà affatto quello. Del resto, spiega, “ho dato un contributo al contratto su cui si fonda l’esecutivo“, dice come a specificare che il suo non e’ stato un ruolo da spettatore, e garantisce: “Quello che si appresta a nascere sarà il governo del cambiamento. Mi ripropongo di essere l’avvocato difensore del popolo italiano senza risparmiarmi e con il massimo impegno e responsabilità“, sottolinea riferendo che “con il presidente della Repubblica abbiamo parlato della fase delicata che stiamo vivendo. E delle sfide che ci attendono e di cui sono consapevole. Cosi’ come sono consapevole della necessita’ di confermare la collocazione europea e internazionale dell’Italia“.

Infine, chiarisce di aver ben presente le sfide che lo attendono, e non intende sottrarsi, anzi delinea quale sarà la sua direttrice di marcia: Il futuro governo “dovrà cimentarsi da subito con i negoziati in corso sul bilancio europeo, sulla riforma del diritto di asilo e il completamento dell’unione bancaria. E’ mio intendimento impegnare a fondo l’esecutivo su questo terreno, costruendo le alleanze opportune e operando affinché la direzione di marcia tuteli e rifletta gli interessi nazionali“.

Esultano Luigi Di Maio e Matteo Salvini, entrambi pronti a far parte della squadra di governo. “Dopo tante ingiustizie, inizieremo a fare giustizia in questo Paese“, promette il capo politico pentastellato. “Sarà il governo dell’orgoglio“, afferma il leader della Lega, che mette i puntini sulle ‘i’: “Noi non andiamo in Europa a sfasciare niente, andiamo a ricostruire ma con orgoglio“. Ora, conclude, “basta essere subalterni“.

Caustico il primo commento di Matteo Renzi: “Conte si è proposto come l’avvocato difensore del popolo italiano: noi ci costituiamo parte civile. Parte civile per verificare se realizzeranno le promesse della campagna elettorale. E parte civile nel modo di fare opposizione“. Non è da meno il segretario reggente del Pd: “Noi siamo pronti a fare un’opposizione netta e costruttiva“, spiega Maurizio Martina, “al Professor Conte che si proclama avvocato dei cittadini diciamo che l’Italia non si governa come fosse in Tribunale“. Forza Italia conferma la linea dell’opposizione: “Non voteremo la fiducia a un governo che nasce con un programma che ci preoccupa. Saremo vigili su un esecutivo che nasce sbilanciato sul M5s, di cui non abbiamo alcuna fiducia e che reputiamo immaturo per guidare l’Italia“, attacca la capogruppo azzurra al Senato, Annamaria Bernini. Non fa sconti al premier incaricato Giorgio Mulé, portavoce dei gruppi parlamentari azzurri: “Giuseppe Conte ha rivendicato e messo il timbro su un contratto intriso di statalismo e contrario allo sviluppo che, parole sue, costituirà’ il fondamento dell’azione di governo. Basta questo per rendere palesi tutte le fortissime preoccupazioni che nutrivamo”. Quindi avverte: “Sappia il professor avvocato Conte che Forza Italia non gli concederà alcuna attenuante“.

 

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi