Rassegna stampa 5 giugno 18′

ECONOMIA
 
Flat tax. Percorso in salita per il governo: la flat tax avrà due o tre aliquote ma sopratutto non si sa quando arriverà (Mingardi sulla St)
 
INTERNI
 
Riabilitazione. Al netto della propaganda, su migranti e fisco il neo governo segue la linea del centrosinistra (Manacorda su Rep)
 
Ci è o ci fa. Il primo atto della neo ministra alla Difesa, Elisabetta Trenta, è spostare il marito da un ufficio all’altro “per eliminare i sospetti” di conflitto di interesse. Peccato che il nuovo incarico sia nell’Ufficio Affari Generali, la struttura che valuta tutti i contratti della Difesa (Vitale su Rep)
 
Scopri le differenze. Minniti: “La prima cosa che feci da ministro fu visitare Libia e Tunisia per tessere accordi. La prima cosa che ha fatto Salvini è accusare la Tunisia, il paese più collaborativo…” (int. su QN)
 
Se tanto. Salvini e Di Maio stanno gustando il dolce sapore dell’essere blanditi e obbediti. Lo stesso atteggiamento di Renzi… (Padellaro sul Ft)
 
Legge sulle intercettazioni. Neo ministro della Giustizia e sindacato dei giudici contro la riforma delle intercettazioni (Salvia sul Cds)
 
Pd moribondo. In Sicilia si vota in 138 comuni ma il Pd non ha propri candidati quasi da nessuna parte. È una guerra fra M5s e Lega (Man)
 
Concentrazione di voltagabbana. A Castellammare di Stabia il candidato sindaco del Pd è un ex Forza Italia, quello del M5s è un ex AN e quello di Lega e Forza Italia è stato in passato segretario e assessore del Pd (Di Costanzo su Rep). A Imperia è ancora peggio (Sansa sul Ft)
 
Il senatore “cazaro”. Non solo è sbalorditivo che ci sia qualcuno che inviti Renzi a parlare, ma lo è ancora di più il fatto che ci sia qualcuno disposto a sentirlo (Ranieri top sul Ft). Renzi: “Bisogna riprendere i contatti con i problemi della gente fuori”. Commenti in rete: “Si riferisce al Qatar?” (Borgia sul Gn)
 

Fai con calma. Calderoli sui viaggi all’estero di Renzi come “conferenziere”: “Finalmente Renzi ha deciso di andare a fare danni altrove” (Cds)

 
Ai confini della realtà. Marco Travaglio papabile direttore del TG1 (Tamburrino sulla St)
 
Chiamparino anticipa Renzi. Il governatore del Piemonte pronto a ricandidarsi alle regionali del 2019 a capo di un’ampia coalizione antipopulista che si rivolga pure agli elettori di Forza Italia (Griseri e Strippoli su Rep)  
 
REGIONE LAZIO
 
Distribuzione seggi. Oggi il Tar decide sul ricorso del primo dei non eletti della Lista Più Europa. Dovesse dargli ragione, tre seggi del Pd dovrebbero essere riassegnati (Manifesto)
 
ROMA
 
Coincidenza. La Raggi fa asfaltare le buche solo dei municipi dove si vota (Monaco su Rep)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi