Giustizia, tutti gli uomini del Guardasigilli

Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha completato la sua “squadra” a via Arenula, con molti volti nuovi e qualche conferma, come sottolinea una nota del ministero della Giustizia.

Uno tra i più stretti collaboratori del guardasigilli sarà Fulvio Baldi, neo capo di gabinetto. Sostituto procuratore generale della Cassazione, entra in magistratura nel 1992. PM ad Avellino fino al 1997, a Salerno come Pretore fino al 1999, prima, e poi Giudice di tribunale fino al 2001. Arriva a Roma, come magistrato della Segreteria e dell’Ufficio studi del Csm fino al 2007. Nel 2008 approda al Massimario della Cassazione, come coordinatore del settore penale, e da ultimo in Procura generale. Gianluca Massaro, uno dei due vice che affiancheranno Baldi, è la rappresentazione plastica della regola ‘bonafediana’ circa la continuità come valore. Quando, infatti, il nuovo guardasigilli arriva al ministero lo trova già distaccato dal novembre 2017 al Servizio interrogazioni parlamentari e chiede al Csm la prosecuzione del suo fuori ruolo. Classe 1975, giudice del Tribunale di Siena con funzioni penali, entra in magistratura nel 2008 in Corte d’appello a Firenze. Quindi Giudice a Vercelli fino al 2014, con funzioni civili e, successivamente, penali, fino al 2018. Massaro, oneri e onori li condividerà con il quasi coetaneo Leonardo Pucci, classe 1977. Giudice del Lavoro ad Arezzo, in magistratura dal 2008 con assegnazione al distretto della Corte d’appello di Firenze, nel 2009 assume le funzioni di Giudice del lavoro al Tribunale di Potenza. Nella sua carriera si è occupato, tra l’altro, di malattie professionali, in particolare di lesioni da esposizione all’amianto, come quelle che hanno riguardato i lavoratori della Sacfem. Tra le diverse attribuzioni dell’Ufficio di Gabinetto, è prevista la cura dei rapporti con l’Ufficio legislativo e con l’Ispettorato; il coordinamento degli altri uffici di diretta collaborazione; la gestione dei rapporti con il Parlamento, per il sindacato ispettivo, di quelli con il Csm, con riferimento alle attribuzioni proprie del Ministro in ordine ai magistrati, ed il coordinamento dei diversi centri di responsabilità.

All’Ufficio Legislativo arriva Mauro Vitiello (1961), Sostituto procuratore generale della Corte di cassazione, in magistratura dal 1986. Dalla Corte d’appello di Milano come tirocinante, viene assegnato al Tribunale di Vigevano come GIP/GUP e poi trasferito a Pavia con le stesse funzioni. Successivamente si sposta in Procura fino al 2003 e, ancora, Tribunale di Milano, fino al 2013, e Tribunale di Bergamo fino al 2017, anno in cui approda in Corte di Cassazione. Lo studio e la proposta di interventi normativi, la collaborazione con il Ministro degli esteri nella negoziazione di convenzioni internazionali in materia di assistenza giudiziaria, estradizione e stato civile, sono solo alcune delle competenze che l’articolo 7 del DPR 2001/315 affida all’Ufficio che è stato chiamato a dirigere.

All’Ispettorato generale, altro ufficio di diretta collaborazione col ministro, sono in arrivo Andrea Nocera, con funzioni di Capo dell’Ufficio, e Liborio Fazzi, in veste di vice. Le attività assegnate all’Ufficio dalla legge del 1962, vengono svolte in coordinamento con il Dipartimento per gli Affari di Giustizia e con il Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, e sono compiti di controllo dei quali informa il ministro o il Csm. Andrea Nocera (1965), magistrato addetto all’Ufficio del Massimario-Corte di cassazione, è in magistratura dal 1991. Giudice della sorveglianza nel Tribunale di Sassari, Sostituto procuratore a Torre Annunziata e ancora Giudice monocratico e collegiale nel Tribunale di Napoli fino al 2006. Nel 2008 magistrato addetto all’Ufficio I della Direzione Magistrati del Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria e successivamente all’Ispettorato generale. Suo collaboratore designato Liborio Fazzi (1969), Giudice del Tribunale di Palmi, in magistratura dal 1997. Compie il tirocinio al Tribunale di Messina, dove rimane fino al 2008 con funzioni di giudice del Tribunale per i minorenni e del Tribunale civile. Nel 2011 in Corte d’appello di Reggio Calabria con funzioni penali e poi dal 2012 distaccato al CSM fino al 2017.

Il 27 giugno scorso, il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro della Giustizia, ha nominato Giuseppe Corasaniti, capo Dipartimento per gli affari di giustizia e Francesco Basentini, capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Corasaniti, magistrato ordinario attualmente, era sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione, mentre Basentini, magistrato ordinario, era procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica di Potenza.

O. F.

 

 

Commenta

commenta

Un pensiero riguardo “Giustizia, tutti gli uomini del Guardasigilli

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi