Rassegna stampa del 3 agosto

INTERNI

 
Inquinamento virtuale. 143 profili fake in lingua italiana creati da un’agenzia legata ai servizi russi per minare la credibilità dell’Ue e del governo Renzi e favorire la propaganda di Lega e M5s. Un lavoro scientifico al quale hanno contribuito anche italiani (Foschini e Tonacci su Rep)
 
Quirinale sotto tiro. La notte in cui Di Maio annuncia l’intenzione di avviare la procedura di impeachment contro Mattarella, in pochissimi minuti furono creati 400 nuovi profili twitter che rilanciano Di Maio e intimano a Mattarella di dimettersi. Profili tutti creati all’estero… (Breda sul Cds)
 
E guerra sia. Tajani al contrattacco: “Salvini non sta facendo niente sulle questioni care al centrodestra come Tav, Tap, Ilva e politica industriale. Si occupa solo di nomine” (int. sul Cds). Salvini è riuscito dove nemmeno Berlusconi: ricompattare Forza Italia (Conti sul Msg)
 
Memento. Sallusti afferra il manganello: “Dispiace che Salvini scateni una guerra sporca contro chi lo ha portato al successo”, “stupisce che imbocchi la via del voltagabbana”,  “si comporta come un Alfano qualsiasi”, “dimentica che imbarcare i traditori porta sfiga: Renzi docet” (Gn)
 
Traditori. Ecco quelli di Forza Italia che hanno bussato alla porta di Salvini: Giampiero Zinzi, Franco Cardiello e Francesco Pinto in Campania, Giacomo Diego Gatta e diversi amministratori in Puglia, Silvia Sardone in Lombardia, in Abruzzo c’è la fila, in Sicilia 4 deputati regionali stanno valutando (Falci sul Cds) 
 
Idea. Salvini sta pensando di creare un contenitore moderato con tutti i fuoriusciti di Forza Italia (e non solo) che faccia da spalla alla Lega (Ajello sul Msg)
 
Effetti collaterali. Il governo carioca sta facendo deflagrare l’ambiente al Fatto Quotidiano: Travaglio difende a spada tratta Marcello Foa ma nei giorni scorsi Gomez e Padellaro sono stati molto critici. Inoltre attaccare sempre il Pd anche adesso che è all’opposizione (e anche moribondo) crea diversi mal di pancia…
 
Tengo famiglia. Avendo dato le dimissioni dal Corriere del Ticino, se Foa non diventasse presidente della Rai si ritroverebbe disoccupato (avrebbe solo il gettone di presenza come consigliere). Con una proposta di lavoro adeguata potrebbe rinunciare… (Guerzoni sul Cds)
 
Toninelli ologramma. Il viceministro leghista alle Infrastrutture Rixi: “Toninelli si è espresso male: le grandi opere si faranno”. Ancora: “Le affermazioni del ministro disorientano l’opinione pubblica più qualificata”. In altri termini: quando ti rivolgi ai tuoi elettori webeti ricordati che ti ascoltano pure i leghisti (int. sul Cds)
 
ABC. Una cosa è l’uso legittimo dei poteri nelle varie nomine (seppur fatto con rozzezza) una cosa è la violazione delle norme (Cassese costretto a spiegare i fondamentali ai neo potenti)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi