Di Maio, turni per le domeniche. Pd e FI all’attacco

Il Movimento 5 stelle insiste sulla chiusura domenicale dei negozi, ipotizzando una turnazione che prevederebbe l’apertura del 25 per cento degli esercizi commerciali. Anche la Lega è d’accordo, tanto da aver presentato alla Camera una proposta Di legge ad hoc, ma non mancano all’interno del partito Di via Bellerio posizioni critiche: il sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri, interpellato dall’Agi, pur premettendo che si tratta Di una posizione personale, spiega Di essere “per la libertà, normare per legge lo stop all’apertura domenicale mi sembra fare un salto indietro”. Nettamente contrari, invece, Pd e Forza Italia: “Di Maio fa la solita propaganda”, afferma il segretario dem Maurizio Martina, mentre per Mara Carfagna chiudere i negozi la domenica “è da sinistra degli anni 70”.

Ma il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo, Luigi Di Maio non cambia posizione e anzi rilancia: chiudere nei giorni festivi “è una cosa Di civiltà”. Detto questo, il leader pentastellato precisa: “Non dico che sabato e domenica non Di fa più la spesa, ci sara’ un meccanismo di turnazione, resta aperto solo il 25 per cento, il resto chiude”. Insomma, è una “proposta che ci viene chiesta dai commercianti, dai padri e madri di famiglia che essendo proprietari Di un negozio dicono: ‘se mi mettete in concorrenza con un centro commerciale dal lunedì al venerdì i miei figli non li vedo più”, riferisce Di Maio. Non la pensa cosi’ Matteo Renzi, che attacca: “Obbligare tutti alla chiusura domenicale, come vuole Di Maio, significa semplicemente far licenziare tanti ragazzi”. E il vicepremier replica: “se Renzi facesse il senatore saprebbe che anche il Pd ha presentato una proposta per le chiusure domenicali”.

Contrattacca il capogruppo dem al Senato: “Di Maio ha l’ossessione Di Renzi ed il chiodo fisso per la decrescita infelice. La chiusura domenicale del commercio è solo l’ultima trovata dell’esponente 5 stelle all’inseguimento Di Salvini. 40 mila posti Di lavoro a rischio evidentemente non sono un problema per il ministro della disoccupazione“, afferma Andrea Marcucci. E Forza Italia lancia la sua proposta, avvertendo che “con l’obbligo Di chiusura domenicale rischiamo circa 50 mila posti Di lavoro, soprattutto quelli più precari – sottolinea Carfagna – Ne beneficeranno molto probabilmente i giganti del commercio online, che non potrebbero sperare in un favore migliore da Di Maio. Battiamoci piuttosto perchè sia rispettata la liberta’ Di lavorare o meno la domenica, senza ricatti, e perchè chi lo sceglie sia davvero pagato Di più”. Anche per il segretario dem Martina “i temi veri sono gli aumenti salariali necessari per garantire equità e la corretta turnazione del personale. Bisogna fare un salto di qualità nei contratti. Tutele e incentivi veri e non divieti generalizzati. Il tema va affrontato con serietà”. Tranchant il giudizio di Vittorio Sgarbi: “E’ una forma Di oscurantismo alla Mullah Omar. Io e Di Maio siamo diventati amici, ma lui ha delle visioni infantili e più vicine al mondo islamico che occidentale“.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi