Rassegna stampa del 15 ottobre 2018

UE

 
Brexit. Trattativa in bilico per la questione dei dazi e per il nodo Irlanda del Nord (Marconi sul Msg)

INTERNI
 
Pesci in faccia. Toti: “Berlusconi è finito: dal 38% siamo passati all’8%”. Berlusconi: “Ognuno si mette in mostra come può”. Meloni: “Centrodestra finito: via all’alleanza sovranista con la Lega”. Gelmini replica: “La Meloni voleva entrare nel governo ma Di Maio si è opposto” (Gorodisky sul Cds)
 
Governo del cambiamento. Grazie a tre provvedimenti a Ischia è iniziata la pacchia: illegalità edilizie sanate ed evasioni fiscale perdonate. Se poi arriva pure il reddito di cittadinanza è bingo (Caporale sul Fatto. Ripeto: Fatto Quotidiano) 
 
Def. Alcune parti del Def rappresentano al meglio la definizione di stupido: “Chi causa un danno ad un altro senza realizzare alcun vantaggio per sè o addirittura subendo una perdita” (Del Vigo sul Gn)
 
Niente di nuovo. Il reddito di cittadinanza esisteva già nell’antica Roma: Gaio Sempronio Gracco introdusse la tessera frumentaria nel 123 a.C. ma non portò fortuna (Licandro sul Ft)
 
Renziano? Giammai. Minniti ha ricevuto il sostegno di 13 sindaci renziani, andrà alla Leopolda e l’unico big del Pd a sostenerlo è Renzi. Le teste pensanti renziane stanno studiando come non farlo apparire un candidato renziano (Meli involontariamente comica sul Cds). Pure Martina costretto ad attendere la mossa di Minniti (De Marchis su Rep)
 
Dormi tranquillo. Alessia Morani: “Minniti è il candidato ideale” (int. su Rep)
 
Un affare. Come conferenziere Renzi costa 20mila euro: può parlare di “sfide della globalizzazione”, “come gestire i conflitti”, “futuro dell’Europa”, etc… (Bracalini sul Gn)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi