Rassegna stampa 20 novembre 2018

Rassegna stampa 20 novembre 2018
INTERNI
 
Sipario. Passa la manovra e poi cala il sipario sul governo. Le prove di forza a oltranza della Lega mirano a far saltare il banco ma Salvini ha il problema del decreto Sicurezza da convertire in legge (Verderami sul Cds). I 19 deputati grillini che si oppongono al decreto Sicurezza sono tutti di prima legislatura… (Cuzzocrea su Rep)
 
De profundis. Dopo il 4 marzo Lega e M5s erano i partner ideali per il governo del cambiamento ma la Lega si è rivelato il partito degli affari… Il M5s è il partito del cambiamento ma Lega non vuole… (la Lega diventa il nemico numero per Travaglio)
 
“Sentiment”. I dati di google trend raccontano gli umori degli italiani molto più dei social e dicono che la parola “spread” a ottobre è stata la parola più digitata e associata ai nomi “Di Maio” e “Salvini” (Fubini sul Cds)
 
Il governo non è un canile. Di Maio: “Se vivo con insofferenza le incursioni di Salvini a Napoli? I politici non sono cani che segnano il territorio” (Guerzoni sul Cds)
 
Nomine bloccate. Servizi, Istat, Consob, Enav, Antitrust, Enac, direzioni Rai: nomine tutte bloccate (Lopapa su Rep)
 

PD


Pd taxi. Scalfarotto sui comitati civici renziani: “Se a un comitato si avvicina uno del Pd è ovvio che non lo cacciamo”. Bene, bravo. Domanda: “Andrete alle europee per conto vostro?” “Certamente no” (int. sul Cds). Tradotto: prima entriamo nell’Europarlamento coi voti del Pd e poi salutiamo.
 
Congresso. L’idea di Minniti di eleggere segretario chi arriva prima alle primarie anche senza raggiungere il 51%, oltre a essere sensata, è indispensabile (Folli su Rep rovina la colazione a Orfini). Zingaretti d’accordo (Bertini sulla St). 
 
Se il buongiorno. Gori: “Per affinità, valori e ideali gran parte di noi si ritrova nella candidatura di Minniti ma un endorsment di Renzi lo danneggerebbe” (int. sul Cds)
 
Renziani in tilt. Parlamentari contrari ad un nuovo partito (rischiano di rimanere disoccupati). Un deputato: “Renzi si è ritagliato un ruolo in solitario, dovrebbe salvaguardare maggiormente una classe dirigente che lo ha seguito e che potrebbe ritrovarsi senza certezze” (Pucci sul Msg). Pure i renziani di piccolo calibro vogliono rimanere nel Pd perchè altrimenti zero chance di essere rieletti sindaci o assessori (Licinio)
Sediamoci. Qualsiasi percentuale Martina prenda alle primarie, Orfini gli presenterà il conto e dirà che quei voti li ha presi quasi tutti grazie a lui… (Licinio)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi