Svolto alla Camera “Difesa Collettiva: le figure di Vertice” con Trenta, Volpi, Tofalo, Vecciarelli e Silvestri

Si è svolto ieri nell’Auletta dei gruppi parlamentari della Camera dei deputati il primo evento del ciclo “Difesa Collettiva: le figure di Vertice“. Ad aprire i lavori è intervenuto il presidente della Camera Roberto Fico. Al tavolo si sono alternati il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, i sottosegretari alla Difesa Raffaele Volpi e Angelo Tofalo, il capo di Stato maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli e Gaetano Silvestri, presidente della Scuola superiore della magistratura, per parlare ciascuno dalla propria prospettiva, dei ruoli e delle funzioni della Difesa italiana. Il ministro Trenta nel suo intervento ha evidenziato che “Iniziative come questa ci consentiranno di far capire ai cittadini che la Difesa è per noi tutti“.

Al suo pensiero si è associato quello del sottosegretario Tofalo, il quale ha ribadito che “la sfida al cambiamento è quella di rendere la Difesa uno strumento sempre più integrato al Sistema Paese e quindi, per raggiungere questo ambizioso obiettivo, serve uno sforzo comune mirato a costruire una cultura della sifesa e della sicurezza nazionale“. Nel parlare delle missioni svolte dalle Forze armate, come difesa dello Stato, difesa degli spazi euro atlantici e mediterranei, contributo alla realizzazione della pace e della sicurezza internazionali, concorsi e compiti specifici, il ministro Trenta ha sottolineato la valenza dell’impiego dei militari in Italia e all’estero.

Attualmente sono 7.200 i militari impiegati in operazioni nazionali, circa 6.000 quelli che operano all’estero in missioni internazionali, che si qualificano quali veri e propri strumenti di politica estera. Lo conferma il ruolo svolto dal nostro Paese in Libanoruolo di grande equilibrio, molto apprezzato” ma anche i risultati conseguiti con l’operazione Sophia, lanciata dall’Unione Europea per neutralizzare le rotte dei migranti nel Mediterraneo, “un’operazione di cui possiamo andare fieri“.

Nell’Auletta dei Gruppi Parlamentari erano presenti oltre 400 ospiti tra cui una platea di addetti ai lavori, vertici delle Forze Armate e dell’intelligence. L’iniziativa si inserisce nel progetto “Intelligence Collettiva“, e apre un ciclo di otto eventi organizzato da Tofalo nella precedente legislatura, quando era membro del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della repubblica, e che ha visto coinvolti personalità di spicco del settore dell’Intelligence e della sicurezza. Difesa collettiva oggi è un’occasione per coinvolgere attivamente la collettività e avvicinarla al mondo militare. E’ un percorso che, partendo dalle competenze attribuite al capo dello Stato, all’autorità politica e al comando delle Forze Armate, nei futuri incontri farà conoscere al cittadino le attività e le strutture di Esercito Italiano, Marina Militare, Aeronautica Militare, Carabinieri e di tante altre articolazioni della Difesa.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi