Emergenza randagismo: la lobby dei diritti degli animali ottiene un milione di euro

Un milione di euro nel 2019 per la tutela degli animali di affezione e prevenzione del randagismo di cui alla L. n. 281/1991 (comma 428-bis).

Lo potrebbe stanziare la legge di bilancio approvata al Senato all’articolo 1 comma 756 ed ora in fase di discussione alla Camera.

Il risultato è stato annunciato dalla deputata Michela Vittoria Brambilla presidente dell’Intergruppo parlamentare dei diritti degli animali quale unica nota positiva dell’intera manovra di bilancio.

L’Intergruppo, composto dalle vice presidenti senatrici Loredana De Petris (Leu) e Loredana Russo (M5s), segretarie le deputate Paola Frassinetti (FdI), e Patrizia Prestipino (Pd) e la senatrice Rosellina Sbrana (Lega), chiederà, finito l’iter della legge di bilancio, un incontro con il ministro della Salute perché la destinazione delle risorse del Fondo per l’attuazione della legge 281 sia più coerente con le effettive esigenze dei territori, che sono da quanto loro evidenziato molto diverse.

“Il Paese è spaccato in due, con un Nord (Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Valle d’Aosta e Province autonome di Trento e di Bolzano e in più la Toscana) in cui il randagismo canino è sostanzialmente contenuto e un Centro-Sud dove i randagi sono molti, in alcune aree moltissimi, e la situazione appare spesso fuori controllo” ad affermarlo la presidente Brambilla in una nota stampa in cui si ravvisa una vera e propria emergenza randagismo.

Innumerevoli gli atti di crudeltà verso gli animali nel 2018 tra cui i casi di avvelenamento di oltre 40 cani randagi a Sciacca (Agrigento) e di alcuni cuccioli a Furnari (Messina), la fossa comune di cani scoperta per caso da alcuni turisti a Marsala (Trapani).

La soluzione secondo la lobby dei diritti degli animali risiede in una più equa distribuzione delle magre risorse e controlli più stringenti e penalizzazioni per le troppe inadempienze delle amministrazioni locali.

(foto : michelavittoriabrambilla.it)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi