Sindacati. Mariani su Tav: “Bloccarla significherebbe fallimento senza precedenti”

Il dibattito continuo sull’opportunità o meno di realizzazione della Tavnon deve distogliere l’attenzione sulla reale urgenza del Paese che non vuole mancare un appuntamento storico di ammodernamento delle Infrastrutture e di incremento di posti di lavoro”. 

Così il vice segretario generale della Confsal e segretario generale della Fesica Bruno Mariani appreso che sulla concretizzazione del progetto i pareri restano discordanti anche all’interno dello stesso Esecutivo di governo.

Non possiamo rischiare di diventare il ‘fanalino di coda’ d’Europa per Infrastrutture e limitazione di quelle diverse migliaia di opportunità lavorative che nascerebbero dall’indotto dell’opera. L’opera – spiega l’esponente della Confederazione generale dei sindacati autonomi dei lavoratori – può stimolare una crescita economica di 11,3 miliardi di euro che, al netto dei costi di investimento, equivale a quasi un miliardo l’anno, con un’occupazione aggiuntiva di circa 5 mila unità l’anno”.

Si dia il via libera ad un’opera strategica per l’Italia, limitarla o bloccarla rappresenterebbe un fallimento senza precedenti storici, per cristallizzazione di posti di lavoro e mancato rilancio del nostro Paese con danni incalcolabili ogni – conclude Bruno Mariani  – settore”.

 

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi