“Giudizio Universale”: All’Auditorium Conciliazione di Roma “uno spettacolo unico al mondo”

Si tratta di uno degli spettacoli più innovativi dell’anno e c’è ancora tempo per godere di questa esperienza decisamente unica all’Auditorium Conciliazione di Roma. Di “spettacoli immersivi” sentiamo parlare spesso, talvolta anche a sproposito, ma bisogna riconoscere che è proprio da questo, ovvero da Giudizio Universale, Michelangelo e i segreti della Cappella Sistina, che questi termini hanno avuto origine.

Lo spettatore, comodamente seduto nelle poltrone dell’immenso teatro, è totalmente immerso, letteralmente circondato dall’opera, avendo la percezione di sentirsi fisicamente dentro l’edificio.

Magicamente, il pubblico, guidato dalle voci narranti che raccontano l’incontro del Papa con Michelangelo, quindi l’origine dell’opera, viene trasportato all’interno della Cappella Sistina ed ha la possibilità di aver spiegate, una per una, le scene raffigurate sulla volta, con i relativi riferimenti biblici. Oltre al fatto che le immagini sono ingrandite e raccontate, la sorpresa è che, grazie ad eccezionali tecnologie digitali, esse sono proiettate a 270 gradi in modo che lo spettatore ne sia circondato. Si realizza, dunque, una visita virtuale all’edificio, lo si ammira in pienezza poiché un pezzo per volta si ricostruisce fino ad essere interamente proiettato attorno a noi.

Stiamo parlando di un ottimo metodo per mostrare anche ai più piccoli l’abilità di artisti geniali come Michelangelo, che lavorò alla decorazione dell’ampio soffitto in solitaria, tra il 1508 e il 1511, oltre che di uno strumento per trasmettere ai ragazzi la passione per l’arte e la sua importanza.

Una simile visita a questo capolavoro è talmente straordinaria da restare senza fiato e da non lasciare indifferente neanche chi ha poco interesse per il mondo artistico.

E, ancora, si possono vedere i dettagli che non possono essere colti dal vivo, a causa dell’ampiezza dello spazio e del fatto che sia costantemente affollato da numerosi visitatori – pur sottolineando che ciò non può in alcun modo sostituire la visita reale, che suscita un altro tipo di emozioni. Non bisogna dimenticare che quello delle immagini è un linguaggio universale; è il canale di comunicazione più efficace che esita. Inoltre, Giudizio Universale è innovativo perché ai commenti sulle opere dipinte, si uniscono performance dal vivo, musiche ideate per l’occasione e numerosi effetti scenici per risultare ancora più coinvolgente.

Per questo motivo Marco Balich, ideatore, regista e direttore artistico, è stato appropriatamente definito un “designer di emozioni”, anche per la sua pluriennale esperienza nell’organizzazione di grandi eventi. Un esempio è il celeberrimo Albero della vita all’Expo Milanese del 2015 – sebbene non apprezzato da tutti, ad esempio Vittorio Sgarbi lo definì una carnevalata, un’americanata.

In “Giudizio Universale” non mancano le trovate commerciali, come quella di affidare ad un cantante di fama mondiale il tema della musica principale (di Sting) e ad uno dei più apprezzati attori italiani del momento (Pierfrancesco Favino) la voce di Michelangelo. E chissà che, al prossimo evento simile, non si possa aggiungere una parte più storico-scientifica come una scheda sulle tempistiche di realizzazione dell’opera e sulle tecniche utilizzare, oppure qualcosa in più sulla biografia e sul pensiero dell’artista.

Giudizio Universale, Michelangelo e i segreti della Cappella Sistina, è decisamente imperdibile per la sua unicità, per la creatività di tanto lavoro, per la volontà di diffondere opere eccezionali che sono un vanto della tradizione italiana – tanto che, appena usciti dal teatro, si è ancora più stimolati a voler fare una visita reale alla Cappella Sistina.

Sabrina Sciabica

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi