Europee: Salvini oltre il 34 per cento, sarà Italia contro Ppe-Pse-Alde

Per la prima volta nella storia la maggioranza degli eurodeputati italiani sarà al di fuori del perimetro Ppe-Pse-liberali-verdi. Matteo Salvini vince le europee, supera IL 34% dei voti, rovescia completamente in un solo anno i rapporti di forza all’interno della maggioranza italiana di Governo e schiera il nostro Paese al fianco di Marine Le Pen, primo partito in Francia.

I sovranisti vincono anche in Gran Bretagna e Ungheria, ma Fpoe e Pvv arretrano in Austria e Olanda. In Svezia, Spagna e Portogallo vincono i socialisti. In Germania Afd è solo il quarto partito, dopo Merkel, Verdi e Spd. Complessivamente, nonostante l’ampio contributo italiano, i deputati nazionalisti e antieuropeisti saranno meno di duecento su 751. Il 4 marzo 2018 per le politiche Il Movimento 5 Stelle ottenne IL 32,7% dei voti e la Lega IL 17,3%. In un solo anno di Governo i rapporti di forza si sono capovolti. I pentastellati, in Europa attualmente alleati di Farage, protagonista della Brexit, porteranno a Strasburgo meno deputati di 5 anni fa, quando ottennero IL 21% dei voti. Di Maio, oggi fermo al 16,8%, dimezza i consensi e avrà anche il problema di costruire un gruppo parlamentare europeo: i suoi alleati polacchi, greci, finlandesi ed estoni non entreranno a Strasburgo. Le difficoltà peggioreranno se Farage e i suoi realizzeranno effettivamente la Brexit.

Foto Paolo Bona

Cinque anni fa alle europee la Lega ebbe appena il 6% dei consensi. Il terremoto è evidente. Le prime conseguenze di questi cambiamenti si vedranno al momento degli accordi per le nomine alla Commissione Ue e alla Bce. Nella legislatura che si conclude quest’anno l’Italia ha avuto la Presidenza della Bce (Draghi), dell’Europarlamento (Tajani) e l’Alto rappresentante per la politica estera (Mogherini). Per Conte, Salvini e Di Maio si apre ora la delicata fase delle trattative con famiglie politiche avversarie.

Le elezioni europee 2019, con un’affluenza ferma al 56,1%, due punti e mezzo in meno rispetto al 2014, hanno dato il passaporto per Strasburgo solo a 5 partiti italiani: Lega (34,4%), Pd-Pse (22,9%), M5s (16,8%), Fi-Ppe (8,7%), Fdi-conservatori e sovranisti (6,4%). L’Italia non avrà eurodeputati nel gruppo liberale dell’Alde nè nel gruppo verde. La lista +Europa non supera lo sbarramento del 4% e si ferma al 3,1%. La lista ‘Europa verde’ ottiene solo IL 2,3%. Rispetto a 5 anni fa, scompaiono dall’Europarlamento La Sinistra italiana (che si ferma all’1,7%) e l’Udc. Entra, invece, il partito di Giorgia Meloni che cinque anni fa si fermo al 3,7%.

Rispetto all’anno scorso, la maggioranza Lega-M5s ottiene all’incirca la stessa percentuale di voti, ma a parti invertiteIl Pd cresce dal 18,7% al 22,9%. Fi crolla dal 14 all’8,7%. Fdi cresce dal 4,3 al 6,4%. Per quanto riguarda il territorio italiano, la Lega si conferma primo partito in tutto il nord e centro Italia, compresi Emilia Romagna, Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo e Sardegna. Il Pd mantiene la leadership in Toscana. Il Movimento 5 Stelle prevale nelle restanti regioni meridionali con punte superiori al 30% in Campania e Sicilia. La Lega tocca l’apice in Veneto, sfiorando IL 50% dei voti. Ecco nel dettaglio i risultati per l’elezione dei 73 eurodeputati italiani (diventeranno 76 dopo l’effettiva realizzazione della Brexit).

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi