Taglio vitalizi: il M5S chiama in piazza i suoi sostenitori

Il Movimento 5 stelle andrà in piazza il 15 febbraio per difendere la sua battaglia contro i vitalizi. E torna a chiedere la modifica della commissione del Senato – “giudicata ‘parziale” e non super partes – che dovrà decidere sui circa 700 ricorsi di ex parlamentari contro il taglio ai vitalizi, subito a seguito di una delibera, stessa delibera approvata in precedenza dalla Camera. I pentastellati manifesteranno a Roma contro “la casta e i privilegi”. Il capo reggente Vito Crimi sottolinea: “Non possiamo tornare al Medioevo dei partiti”.

Intanto non si placa la polemica contro i componenti della commissione Contenziosi, con il Senato costretto nuovamente ad intervenire, ribadendo e assicurando l’autonomia dell’organismo. Ma i 5 stelle non mollano, e tornano alla carica: “La vicenda dei vitalizi in Senato è grave, non può essere né negata né sottovalutata. È una battaglia di equità sociale su cui il Movimento 5 stelle ha speso ogni energia. Noi andiamo avanti con la massima determinazione”, garantisce il capogruppo a palazzo Madama, Gianluca Perilli.

“La Commissione Contenziosi del Senato è macchiata da un conflitto di interessi, non può giudicare in piena serenità e indipendenza gli oltre 700 ricorsi presentati. L’istituzione Senato deve farsi carico di questo problema molto serio, bisogna ridare credibilità alla Commissione e al procedimento azzerando tutto e cambiando la composizione”, afferma Perilli. Ma da palazzo Madama si precisa: “Un organo giurisdizionale come la commissione Contenziosi è autonomo e indipendente. Non può essere sciolto d’autorità, né può interrompere la propria attività in virtù di una deliberazione che al momento non esiste ma è soltanto presunta”.

Il Questore pentastellato al Senato, Laura Bottici, però non cede, e assicura: “I parlamentari devono essere come tutti i cittadini, continueremo la nostra battaglia, non ci arrenderemo mai”. Nel tardo pomeriggio, dopo un tam tam che si è rincorso per l’intera giornata, è Paola Taverna ad annunciare ufficialmente la manifestazione di piazza. Il Movimento 5 stelle, quindi, torna alle origini, quando i pentastellati erano più di lotta che di governo. Anche sul fronte del taglio dei parlamentari, altra storica battaglia dei 5 stelle, il capo politico reggente, Vito Crimi, impegnato martedì mattina in una serie di riunioni, ha assicurato: da qui al 29 marzo, quando si svolgerà il referendum, “il Movimento darà il massimo. Del resto si tratta di una battaglia rispetto alla quale abbiamo costretto a seguirci forze di destra e sinistra”.

E Taverna esorta i cittadini ad unirsi a loro contro il ripristino dei vitalizi: “La guerra che abbiamo iniziato dieci anni fa è ancora in corso. Una guerra gentile. Ma pur sempre una guerra! Contro soprusi e privilegi. Contro la casta. Contro chi non si accontenta mai. Adesso la vecchia classe politica si vuole persino tenere i vitalizi, ma noi non ci stiamo”, scandisce la vicepresidente del Senato, che dà appuntamento per “sabato 15 febbraio: scendi in piazza con noi, a Roma, per fermare chi vuole riportare in vita questo assurdo privilegio”. Una manifestazione per dire “no all’ipotesi di ripristinare i vitalizi per gli ex parlamentari, dopo che una delibera voluta dal M5s li aveva cancellati”.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi