Nino Benvenuti parla delle foibe, “ho vissuto quell’orrore, ho ancora gli incubi”

“Un vero e proprio incubo che, ancora oggi, alcune notti, torna ad angosciarmi. Le foibe sono una storia di violenze e crimini gratuiti. Orrore puro”. A parlare è Nino Benvenuti, pugile che ha fatto di Trieste la sua seconda casa, ma è nato a Isola d’Istria nel 1938, in un’intervista al quotidiano ‘Il Giornale’. “Si viveva nell’angoscia di essere sequestrati o uccisi da un momento all’altro, per ‘italianismo’. – racconta il campione del mondo dei pesi medi – Se Hitler fu il male assoluto, Ozna, la polizia segreta di Tito, e foibe non sono stati certo da meno”. “Fu bruttissimo per tanti istriani non venire accettati e sentirsi degli esuli in patria – continua Benvenuti – Per me lasciare Isola, il mio ‘scoio’ sul mare è un dolore che porto dentro da sempre – spiega la leggenda del pugilato – Non ho mai voluto strumentalizzare queste tragiche vicende o definirmi esule prima degli incontri come una medaglia. Ma sono sempre stato orgoglioso di essere un italiano d’Istria”. In merito ai beni abbandonati della famiglia Benvenuti sono stati risarciti “poche centinaia di euro, una beffa, una somma ridicola – dice Benvenuti – Meglio non pensarci”.

E sul fatto che la tragedia delle foibe è stata celata per decenni afferma che “da parte degli esuli, me compreso, per paura. Da parte della storia… bah, che dire, è un buco nero”. E per questo il pugile ha aderito all’idea del libro illustrato sulla sua storia istriana con “il sogno che venga diffuso nelle scuole di ogni ordine e grado, nelle palestre, nei centri di aggregazione giovanili”. L’esule campione sa che prima o dopo tornerà a casa, per sempre: “Quando non ci sarò più voglio che le mie ceneri vengano sparse nel mare dal mio scoglio, lì, a Isola, dove giocavo da bambino”.

Intanto stamane con la deposizione di corone di alloro alla foiba di Monrupino alla presenza delle massime autorità civili e militari sono cominciate questa mattina a Trieste le celebrazioni per il Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle Foibe e degli esuli istriani, giuliani e dalmati. Presenti alla commemorazione, il leader della Lega, Matteo Salvini con il senatore azzurro, Maurizio Gasparri, il presidente della Regione Fvg, Massimiliano Fedriga e il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza.

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi