Dai giornali, press review del 24 marzo 2020

INTERNI

Vertice fallito. Il trio Salvini-Meloni-Tajani si dichiara insoddisfatto del vertice con Conte e promette la guerriglia in Parlamento. Trattasi di un ricatto sanitario visto che costringerà deputati e senatori a trascorrere più tempo in Aula. Anche i renziani usano gli stessi toni dell’opposizione negli incontri di maggioranza (Lopapa e Ciriaco su Rep)

Vertice andato bene. Unità di intenti fra Conte e l’opposizione dopo il vertice. Conte accoglie le richieste del trio di accorpare i 4 Dpcm e di coinvolgerli di più nella gestione dell’emergenza (Picariello su Avv)

Radio Quirinale. In sintesi: Mattarella ha intimato a Conte di incontrare le opposizioni altrimenti poi sarebbe stato costretto a dargli la vetrina del Quirinale. Conte deve sostituire Casalino (Breda sul Cds)

Accordo sì. Ci sono le basi per un accordo fra sindacati e Confindustria. Oggi fissato un incontro, con la presenza presenti di Gualtieri e Patuanelli (Lombardo sulla St)

Accordo no. Intesa lontana fra sindacati e imprese. Furlan e Landini non cedono sull’ampliamento delle aziende che devono rimanere aperte. Intanto già si registrano scioperi a macchie di leopardo in diversi stabilimenti. Alle porte uno scenario da conflitto sociale accavallato dal dramma sanitario (Iasevoli su Avv)

Errore di metodo. Landini: “Il Presidente di Confindustria ha scritto una lettera al premier chiedendo correzioni al testo senza rendere partecipi tutti gli altri interlocutori” (int. su Rep)

Marche. Il governatore delle Marche Ceriscioli continua la guerra al governo con altri mezzi nominando prezzemolo Bertolaso “consulente della Regione Marche per la costruzione di un nuovo reparto di terapia intensiva” (Di Vito sul Man).

Lombardia. Sala: “Una delle ragioni del disastro in Lombardia è che la Regione in questi anni ha puntato sui grandi ospedali penalizzando la rete socio sanitaria locale. I consultori sono spariti e i medici di base abbandonati. A differenza di Veneto ed Emilia Romagna”. Il Sindaco avverte Fontana e Salvini: basta con la propaganda politica altrimenti inizio pure io… (int. a Rep)

Fontana inadeguato. Pusillanime con Confindustria, in confusione totale sulla vicenda tamponi, emana ordinanze che indicano l’opposto di quello che dichiara, fa chiudere gli studi degli avvocati con i processi che invece procedono: il governatore lombardo è completamente inadeguato al ruolo (Travaglio affossa Fontana)

Sfida allo Stato. Fontana minaccia il governo di infischiarsene dei decreti governativi e di ritenere valide solo le sue ordinanze. Una sfida allo Stato inaccettabile sopratutto se fatta da uno che, nella gestione dell’emergenza, ha fatto una marea di errori a cui lo Stato ha dovuto sopperire (Ajello sul Msg)

Effetti collaterali. È entrato in crisi il Titolo V della Costituzione: provvedimenti sovrapposti e incrociati creano smarrimento e confusione non solo fra gli addetti ai lavori ma anche fra i cittadini (Clementi sul Sole)

Feltri attacca Salvini. Caro Matteo sei buono e caro ma smettila di opporti all’amnistia dei detenuti: i detenuti meno pericolosi vanno mandati a casa per evitare una tragedia nei penitenziari (Libero)

ECONOMIA

Olanda scherza col fuoco. Mentre in Germania è previsto un crollo del 20% del Pil (700 miliardi in meno e milioni di disoccupati) e in Italia sfumano 100 miliardi al mese, il ministro delle Finanze olandese avvisa l’Italia che sarà commissariata come la Grecia se chiede soldi al Mes. Il Parlamento italiano, che dovrebbe reagire con forza, è invece assente (Tamburini sul Sole)

UE

Europei bloccati all’estero. L’Alto rappresentante per la politica estera: “Sono 200mila gli europei bloccati all’estero che aspettano di essere rimpatriati”. Purtroppo solo una piccola minoranza potrà usufruire dei 13 voli messi a disposizione dalla Commissione (box sul Cds)

Corsie preferenziali. La Commissione pubblica le linee guida per l’istituzione di corsie preferenziali per la circolazione delle merci. Obiettivo: garantire il passaggio alla frontiera in max 15 min (Msg)

Negoziati per Albania e Macedonia. Per Albania e Macedonia possono iniziare i negoziati di adesione all’Ue. Lo hanno deciso i 27 Stati dell’Ue che oggi dovrebbero firmare l’accordo (Veronese sul Sole)

ESTERI

Bandiera bianca. Il premier inglese Johnson chiude tutto e lascia aperti solo alimentari e farmacie (Ippolito sul Cds)

Commenta

commenta

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi