Dai giornali, press review del 27 marzo 2020

INTERNI

 
Cambio di rotta. Nel discorso al Senato Conte apre alle opposizioni, mosso dal timore di dover lasciare il posto a Draghi. Già oggi il ministro D’Inca incontrerà i capigruppo delle opposizioni (Gentili sul Msg)
 
Decreto blindato. Per velocizzare l’iter del decreto, il governo ordina a tutti i ministeri di non presentare emendamenti (anche perchè comunque i soldi sono tutti impegnati). Obiettivo portarlo in Senato l’8 aprile (Mobili sul Sole)
 
Dati certi. Alcuni statistici chiedono al governo di testare con il tampone un vero campione statistico che comprenda sintomatici e asintomatici. Duemila persone a Regione a cui effettuare (e ripetere) il tampone: è l’unico modo per produrre dati rappresentativi dell’evoluzione del virus (Di Vico sul Cds)
 
Scuola. Il ministro Azzolina in Senato: “L’anno scolastico sarà valido anche se le scuole non dovessero più riaprire”. A disposizione 85 milioni per migliorare la didattica a distanza (Fregonara sul Cds)
 
Epidemia mafiosa. Oltre agli appalti tradizionali, la pandemia sarà un affare per la criminalità organizzata (sopratutto la ‘ndrangheta): essendo gli unici con grande liquidità si impadroniranno a prezzi stracciati di interi settori economici (l’ex Capo della Procura di Roma Giuseppe Pignatone sulla St)
 
UE
 
Consiglio europeo. Nessuno dei due fronti è così forte da potersi imporre ma entrambi sono abbastanza forti da interdire l’altro. Se continua la paralisi, solo le nazioni con più risorse potranno fronteggiare la crisi (Fubini sul Cds)
 
Tutto sulle spalle della Bce. La Bce ha stanziato, solo per quest’anno, oltre 1000 mld per acquistare titoli di Stato dei paesi più in difficoltà (per l’Italia si tratta di 140-160 mld). In pratica la Bce sta sostenendo da sola la politica di bilancio dei governi mentre i leader politici europei litigano mostrando la loro mediocrità (Taino sul Cds) 
 
Televoto. Giornata storica all’Europarlamento: per la prima volta nella storia si è votato a distanza e tutto è filato liscio (Preziosi sul Man)
 
L’Italia si “autoriformi”. La pandemia ha travolto regole intoccabili (sospensione del patto di stabilità, deficit quasi illimitato, aiuti di Stato a pioggia, fondi Ue per 37 miliardi e il bazooka della Bce). Ma sono misure insufficienti: servono gli eurobond e i fondi del Mes. Se l’Italia avesse fatto le riforme necessarie (come Spagna, Grecia, Portogallo, Cipro e Irlanda), ora ci sarebbe più fiducia nei suoi confronti. Se l’Italia non vuole la troika allora punti su un’autoriforma che le dia credibilità (Cerretelli sul Sole)
 

ECONOMIA

Banche in pista. Per accorciare i tempi di erogazione dei soldi, il governo sta prendendo in considerazione l’ipotesi di far pagare dalle banche, e non dall’Inps, sia la Cassa integrazione (ordinaria, in deroga e Fis) che le indennità da 600 euro. L’Inps con calma rimborserebbe poi le banche senza interessi (Conte su Rep)
 
Cibo sufficiente per tutti. Il Presidente di Federalimentari Ivano Vacondio: “La produzione alimentare italiana non è in discussione e ci saranno prodotti made in Italy a sufficienza per i consumatori italiani ed europei” (int. al Financial Times)
 
Niente eurobond. Il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas: “Gli eurobond? La solidarietà fra i Paesi europei la si può raggiungere anche con altri mezzi” (int. sul Cds)
 
ESTERI
 
Chapeau. I russi sanno come applicare la pressione giusta per far andare le cose come dicono loro col minimo sforzo (come in passato in Siria, in Crimea e in Libia). L’Italia è il territorio ideale avendo un popolo bue pronto a schiumare contro l’Unione europea e ad acclamare Putin dimenticando in fretta tutti i danni che la Russia ha fatto all’Italia e all’Europa (Raineri sul Fg).

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi