Test sierologici, Giorlandino: “D’Amato tuteli la salute dei cittadini. Ci dica chi, come e dove sarà autorizzato ad eseguire i test gratuiti”

Prendiamo atto di questo irrigidimento della Regione Lazio rispetto ad un test da ripetere ogni circa venti giorni e che renderebbe possibile scoprire molte cose sul Covid-19 e soprattutto contribuirebbe in modo significativo ad individuare gli asintomatici prevenendo il contagio e la degenerazione della malattia. Ci domandiamo: perché impedire di fare i test? Se l’assessore Alessio D’Amato è così sicuro di poter garantire test sierologici gratuiti su tutta la popolazione del Lazio ci faccia capire ‘chi’, ‘come’ e ‘dove’ potrà fare questi test. Come operatori nel settore sanitario esigiamo trasparenza e garanzie”.

“Ci dica anche, l’assessore, se intende mandare ispezioni per verificare chi sta già facendo e continuerà a fare test in modo abusivo e a pagamento ma soprattutto ci racconti se autorizzerà i lavoratori e i privati a farli o se invece ingolferà le strutture ospedaliere provocando ancora più occasioni di contagio in totale disapplicazione del decreto e delle normativa di sicurezza. Pensare di coinvolgere i medici di base richiederebbe ben altro livello di approfondimento, attesa la delicatezza del sistema e la possibilità di sovraesposizione al rischio”.

Lo dice la patron di “Artemisia Lab” Mariastella Giorlandino, in rotta con l’Assessore alla sanità della Regione Lazio D’Amato, in una nota divulgata alle redazioni.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi