Dai giornali, press review dell’8 aprile 2020

INTERNI

 
Scudo ai medici. Dietrofront: visto che la partita è scivolosissima (aspettative di giustizia dei parenti e necessità di proteggere chi si è trovato ad operare in difficoltà) annullati tutti gli emendamenti sul tema (anche quelli che salvavano le strutture private) e rimandato tutto ad un tavolo al ministero (Proietti sul Ft)
 
Staffetta. Renzi si da il cambio con Salvini: “Non voglio una politica che scappa dalle responsabilità”, “perchè l’Italia ha dieci volte i morti della Germania?”, “chi fa politica deve prevedere il futuro”, “occorre una commissione di inchiesta”, etc… (int. su Rep)
 
Diavolo nei dettagli. Un comma del decreto “Cura Italia” prevede che il lavoratore contagiato sia registrato all’Inail come infortunio sul lavoro. E chi garantisce che non sia stato contagiato fuori? Titolari di imprese potrebbero essere sommersi ingiustamente da contenziosi civili e penali (Fg)
 
Franceschini vs Zingaretti. Il ministero dei Beni Culturali chiede al governo di ricorrere alla Corte Costituzionale contro la Regione Lazio per via del piano territoriale. Tre le contestazioni: 1) concessioni edilizie facili nei centri storici dei comuni laziali; 2) nel centro storico di Roma doppio iter di autorizzazioni (Stato e Regione) per le autorizzazioni paesaggistiche dei privati; 3) il condono per le costruzioni realizzate dal 1987 al 2007 (De Ganthuz Gubbe su Rep)
 
UE

 
Hopeless. Il prof. Ferrari lascia la guida del Consiglio europeo della ricerca: “Ho proposto un programma speciale dell’Erc per combattere il virus ma il consiglio scientifco dell’Erc ha risposto di no perchè, dicono, ‘l’Erc deve seguire gli obiettivi dei politici, non viceversa’. Ho denunciato la totale assenza di coordinamento delle politiche sanitarie fra Stati membri” (D’Argenio su Rep)
 
Proposta ragionevole. Enrico Letta: “La proposta mia e di Cottarelli mira a non accollare ai tedeschi il debito pregresso e ad evitare all’Italia il cappio al collo (modello greco). Solo con un asse con Francia e Spagna si potrà costringere, o meglio consentire, alla Merkel di resistere a spinte intransigenti interne che, in fondo, nemmeno lei condivide” (int. su Avv)
 
Programma “Sure”. Meglio non enfatizzare troppo il programma “Sure” da 100 miliardi (da dividere fra tutti i Paesi): non è un programma di solidarietà ma un programma di prestiti a tasso agevolato e gli Stati membri devono conferire il 25% di tale importo in capitale di garanzia. L’unico vantaggio è la velocità dell’erogazione (Saraceno sul Ft)
 
Meglio chiarire. Oltra alla questione degli eurobond, c’è un altro aspetto da chiarire nei negoziati: il Patto di Stabilità in futuro dovrà  escludere del tutto il debito fatto per combattere il Covid-19 (Lombardo sulla St)
 
ECONOMIA
 
Sace. Da anni il Tesoro non controllava Sace ma una aveva sui propri libri una fetta dei suoi rischi e la situazione è esplosa poichè il governo ha bisogno di Sace per erogare i 400 miliardi di garanzie. Da qui lo scontro con la Cdp che nel 2012 aveva comunque pagato 10 miliardi al Tesoro per la Sace. Il compromesso prevede proprietà economica, dividendi e indirizzo commerciale a Cdp ma direzione e controllo al Tesoro. Accontentato pure Di Maio con 50 mld in più all’export così può uscire sui giornali (Pons su Rep)
 
ANPAL senza testa. Il Presidente dell’Agenzia nazionale delle politiche del Lavoro, Domenico Parisi, vola negli Stati Uniti nel momento cruciale della lotta alla pandemia. È l’ente che dovrebbe occuparsi dei lavoratori… Il deputato Rizzetto presenta un’interrogazione al ministro Catalfo per rimuovere Parisi (box su Avv)

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi