Deputata No-Vax contro Mattarella: “Difende scientismo dogmatico”

Rischia l’accusa di vilipendio al Capo dello Stato per le sue parole contro Sergio Mattarella. Per lei il Presidente della Repubblica protegge “lo scientismo dogmatico che è la vera epidemia culturale di questo paese”. La deputata no vax Sara Cunial, ex-M5s ora nel gruppo misto, ha detto questa frase nel corso delle dichiarazioni di voto sul dl Covid. E si apre un caso a Montecitorio.

Simone Baldelli di Forza Italia ha richiamato la parlamentare in aula: “Se ho capito bene ha pronunciato parole inqualificabili nei confronti del Capo dello stato. Se ho sentito bene, sarebbe opportuno che si scusasse perché a nessuno è consentito mancare di rispetto al Capo dello Stato”, ha detto il forzista.

Il Pd e Italia Viva chiedono una verifica sul discorso della Cunial. Fabio Rampelli, presidente di turno, spiega che gli uffici della presidenza “stanno cercando di capire se l’epiteto di ‘virus’ sia indirizzato al presidente del consiglio, la qual cosa sarebbe sconveniente ma non sarebbe un reato, o se fosse indirizzato al Capo dello stato, nel qual caso la deputata si troverebbe nella fattispecie di vilipendio e ne avrà tutte le conseguenze del caso”.

Enrico Borghi del Pd ribadisce: “Chiediamo che venga acquisita agli atti la sbobinatura dell’intervento dell’onorevole Cunial perché abbiamo capito che la deputata si sia riferita in maniera esplicita al presidente della Repubblica“. Per Giovanni Donzelli di Fdi a “doversi scusare è chi ha portato Cunial in Parlamento, facendola eleggere”. Nicola Provenza del M5s prende le distanze dalla ex collega ma chiede di non strumentalizzare “le intollerabili accuse gravissime nei confronti del presidente della repubblica”. Rampelli ribadisce: “Io ho stigmatizzato, fermo restando la incertezza sull’epiteto utilizzato dalla collega Cunial”.

Sara Cunial, padovana ex-M5S espulsa dal partito lo scorso anno, è una accanita anti-vaccinista. Sale alla ribalta quando a gennaio 2019 organizza una conferenza stampa sulla pericolosità dei vaccini alla Camera dei Deputati, evento dal quale il Movimento 5 Stelle prende le distanze. “Abbiamo detto più volte che il M5S è favorevole alle vaccinazioni -- aveva affermato il capogruppo Francesco D’Uva -- e chi, al suo interno, mette in dubbio il valore della scienza, non rispecchia il comune sentire” 

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi