Connect with us

Hi, what are you looking for?

Rassegna

"Dai giornali", press review del 19 maggio 20

Rassegna stampa
INTERNI

 
Salvini stai sereno. Zaia attacca il governo elogiando il suo operato e rilanciando il tema dell’autonomia. Inoltre tira una stoccata alla Cina facendo capire da che parte sta (int. sul Cds). Più del governo a preoccuparsi di questa intervista dovrebbe essere Salvini (mai citato nell’intervista)
 
Repubblica aizza Renzi. Se Renzi fosse coerente con quello che dice dovrebbe votare la sfiducia a Bonafede ma non lo farà perchè si muove da equilibrista e si accontenta delle vaghe promesse di Conte (Folli su Rep)
 
Personalità “troppo forte”. Di Maio cerca qualche prestanome da candidare come “Capo politico” del Movimento. Fra i nomi spendibili Chiara Appendino e Paola Taverna, “amatissima dalla base ma con una controindicazione: ha una personalità troppo forte”. Giggino ha capito che se affronta di petto Casaleggio, diventerà il paladino dei parlamentari. Rimane l’incognita Di Battista ma lui è convinto di ingabbiare pure il Che Guevara di Roma nord (De Carolis sul Ft)
 
M5s siciliano. In Sicilia la maggioranza di centrodestra spesso viene salvata indirettamente dalle assenze dei grillini e alcuni consiglieri regionali minacciano la scissione (box sul Cds)
 
Intelligenti pauca. Il governatore De Luca è costretto ogni giorno a competere con Checco Zalone. Da persona intelligente, prima o poi capirà che sta straripando: il mondo dell’effimero potrebbe avere il sopravvento su di lui e sarebbe il destino peggiore per un politico (Mattia Feltri sulla St)
 
Colao a picco. Da quando è stata creata, Conte ha completamente ignorato la task force di Colao. Ha rimbalzato Colao e i suoi consulenti da un ministero all’altro facendo di tutto per farli sentire inutili. Ma come immagine a rimetterci sono entrambi (Macioce sul Gn)
 
ECONOMIA
 
Meccanico bravo. L’Italia è come una macchina col motore sfasciato che però continua a chiedere benzina. Se non aggiusti il motore non vai da nessuna parte. Occorre rimuovere tutti i lacci che bloccano la nostra crescita. Dal 2000 al 2019 il Pil medio dell’Ue è cresciuto del 40,7%, quello dell’Italia del 7,7. La scarsa chiarezza fra Stato e Regioni su chi stabilisce le regole è un ottimo deterrente per allontanare gli investitori. Inoltre Giustizia, Fisco e Formazione vanno drasticamente riformati (Scannapieco, Vicepresidente Bei, sul Msg)
 
Prestito con garanzia. Calenda sempre più duro: “Fca Italy potrebbe tranquillamente chiedere il prestito alla società controllante Fiat-Chrysler visto che quest’ultima ha 28,5 mdl di liquidità. Il problema è che Fiat Chrysler quei soldi non li vuole toccare perchè intende pagare il dividendo agli azionisti”. Ancora: “Ci sono migliaia di imprese con sede legale e fiscale in Italia che stanno morendo e non hanno ottenuto nulla…” (int. sul Cds)
 
Non solo FCA.  A chiedere liquidità garantita dal paracadute pubblico 250 gruppi fra cui Fincantieri, Autostrade per l’Italia, Adr, Autogrill, Costa Crociere e Alpitour (Leone e Montanari su MF)
 
UE
 
Francia. En Marche perde pezzi: 10 deputati dell’area progressista se ne vanno (altri deputati avevano già abbandonato) facendo perdere a Macron la maggioranza assoluta (spostando così) l’asse governativo ancora più a destra. Il Presidente era già in fase calante per via dei Gilet gialli e della riforma pensionistica ma i tagli alla sanità, proprio alla vigilia del Covid, gli hanno dato il colpo di grazia (Toscano su MF)
 
ESTERI
 
Afghanistan. I due autoproclamati governi (quello del Presidente Ghani e quello del capo dell’opposizione Abdullah Abdullah) trovano una formula di governo compromissoria. Situazione drammatica: il 55% dei suoi abitanti vive sotto la soglia di povertà di un euro di guadagno al giorno (Cremonesi sul cds)
 
Oms. Si è aperta la prima giornata dell’Assemblea dell’Organizzazione mondiale della Sanità e la Cina già ottiene il primo risultato: il rinvio dell’inchiesta a dopo la fine dell’emergenza. Il direttore generale dell’Oms è riuscito a fare un intervento senza nemmeno citare la Cina. Altro punto a favore di Pechino: il mancato invito a Taiwan (Fabbri sul Gn) 
 
Brasile. Bolsonaro caccia pure il nuovo ministro della Sanità, Nelson Teich, nominato solo 28 giorni fa nonostante avesse una linea molto morbida sul lockdown. Ora è caos. Il presidente si è affidato al fatalismo per sconfiggere il virus ma non è bastato: ospedali al collasso, il governo perde pezzi e il rischio impeachment è sempre più alto (Sala sul Fg)

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Antonio Ammaturo sognava fin da giovanissimo di entrare in Polizia; ci riuscì e cominciò ad operare nella prima parte della sua vita tra Bolzano,...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it