Rassegna stampa

INTERNI

Giggino lo stratega. Di Maio studia il piano con cui levarsi di torno Casaleggio jr. L’obiettivo è strutturare il M5s come un normale partito e relegare Casaleggio al ruolo di fornitore di servizi. Ad oggi i due sono soci fondatori dell’Associazione M5s che due anni fa prese il posto di quella di Beppe Grillo affondata dalle cause giudiziarie (Lombardo sulla St)

Gattopardi. In Campania stanno per passare alla Lega Severino Nappi e Giampiero Zinzi, due consiglieri regionali attualmente in Forza Italia ma che nel 2015 stavano con Alfano (il quale a livello nazionale appoggiava il Pd e a livello locale non faceva troppe distinzioni). Nelle elezioni regionali del 2015 Salvini pose un aut aut a Caldoro che, costretto a scegliere fra Lega e Ncd, scelse Alfano… (Di Giacomo sul Matt)

Mes. Di Maio provoca Conte: “Il Mes non è un’opzione e il M5s ha molta fiducia nelle parole di Conte (int. sul Cds)

Giustizia. Le accuse a Davigo di “giustizialismo” per l’apologo che da vent’anni usa sul furto di argenteria dentro casa, sono un messaggio dei politici a nuora perchè suocera intenda. La nuora è Davigo e la suocera è l’intera magistratura che non dovrebbe tanto insistere sul tema della questione morale (Caselli sul Cds)

ECONOMIA

Autostrade. Gualtieri detta le condizioni: “La precondizione per trattare è che Aspi applichi le tariffe previste dall’Autorità dei Trasporti. E deve decidere pure presto perchè la procedura per la revoca è ancora aperta… ”. Il ministro vuole che l’accordo sia complessivo e riguardi i tre dossier (revoca, tariffe e garanzia Sace per il prestito) mentre i Benetton vogliono giocare tre partite separate (Amoruso sul Msg)

Pallettoni. Repubblica scende in campo contro Del Vecchio e la sua intenzione di salire al 20% in Mediobanca: “Se un signore di 85 anni dal gloriosissimo passato e presente industriale, ma senza una grande visione industriale, arrivasse al 20% avremmo un caso unico in Europa: una banca che ha come azionista di maggioranza un signore che non l’ha fondata” (Manacorda su Rep). L’appoggio dei francesi di Unicredit a Del Vecchio mette in allarme il Copasir (Zacchè sul Gn)

ESTERI

G7 “obsoleto”. Trump vuole allargare il G7 e trasformarlo in un’alleanza contro la Cina. Al prossimo incontro ha invitato India, Australia e Corea del Sud. Invitata pure la Russia il cui distacco dall’orbita cinese è più importante di qualsiasi altra cosa per Trump (Rampini su Rep)

Idee chiare. Il generale cinese Qiao Lang: “Gli Usa vogliono fermare l’ascesa cinese e per questo Pechino deve affrontare una volta per tutte il nemico. Abbattuta l’America tutti gli altri capiranno” (Colarusso su Rep)

Basta giocare. L’ambasciatore cinese Li Junhua manda una lettera alla Stampa: la Cina non toglie autonomia a Hong Kong ma garantisce sicurezza e libertà per i cittadini. Fermeremo la violenza come fanno negli altri Paesi…

Tutto il mondo è paese. Dopo aver sentito dire dal loro ministro degli Interni che si poteva andare tranquillamente in Francia, migliaia di belgi si sono messi in viaggio ma al confine sono stati rispediti indietro perchè i francesi non avevano ricevuto nessuna comunicazione di “apertura”. Il governo belga: “C’è stata confusione” (De Remigis sul Gn)

CONTINUA A LEGGERE SU ECODAIPALAZZI.IT

Seguici su:
Facebook  |  Youtube  |  Telegram  |  Twitter

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi