Il Recovery Fund per potenziare l’infrastruttura digitale

Giulia Pastorella e Davide Danesi: “L’accesso alla rete è un diritto e l’Italia è indietro”

La puntata di Report ‘Senza Fibra’ sulla situazione della connettività in Italia ricorda quanto siamo indietro. Dal 2015 si promette di portare la banda larga in tutta Italia ma i lavori sono in ritardo di due anni”, così in una nota Giulia Pastorella e Davide Danesi, responsabili Innovazione e Digitale di Azione. “La fibra ottica è accessibile solo sul 27 per cento del territorio, ci sono ancora zone dove la banda larga non arriva e altre dove la connessione internet ancora dipende dal tempo meteo. Ora è il momento di usare il Recovery Fund per completare questo percorso. Il fondo stanzia infatti risorse per investimenti nel digitale: quale momento migliore per coprire piccole realtà di provincia dimenticate, permettere le nuove modalità di insegnamento a distanza e smart working a tutto il territorio? L’accesso alla rete è un diritto fondamentale riconosciuto dalle Nazioni Unite -precisano nella nota- e il digital divide mina la coesione sociale. Chiediamo che il Governo non disperda le risorse a disposizione in mille rivoli, senza una strategia, ma li usi per completare una infrastruttura necessaria per il rilancio del Paese”.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi