Verità. Cicchitto (ReL): “Bisogna desecretare tutto, su molte carte si vuol mantenere il riservo”

Dal 1969 al 1974 c’è stata una strategia della tensione in Italia nella quale valeva la dottrina ‘destabilizzare per ristabilizzare’ ispirata probabilmente da settori dei servizi, della Cia, da teorici e manovalanza nazifascista. La fase successiva, nella quale sono avvenute Ustica e Bologna, appartiene ad una fase totalmente diversa nella quale hanno giocato soggetti di ben differente tipo, dai gruppi palestinesi ai servizi libici. Comunque se si vuole davvero fare una operazione verità bisogna desecretare tutto, innanzitutto le carte 79-80 sulle quali in modo incredibile si vuole mantenere ancora il segreto. Se non c’è’ questa desecretazione, è forte il dubbio che si vuole andare avanti con un teorema ben preciso fondato su uno schema che non vale per niente rispetto a quella fase“.

Così il Presidente di Riformismo e Libertà, Fabrizio Cicchitto.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi