Taglio dei parlamentari, le ragioni del ‘sì’ della Lega al referendum

Il leader della Lega Matteo Salvini, in un’intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno, spiega le ragioni del “sì” del suo partito al prossimo referendum sul taglio dei parlamentari.

M. Salvini (foto Fabio Frustaci)

Abbiamo sempre votato a favore con l’idea che una riduzione dei parlamentari possa rendere più efficienti le Camere. A differenza di Renzi e del Pd, non cambiamo idea all’ultimo. La sinistra ha rinnegato le proprie posizioni pur di aggrapparsi al potere“.

Il dibattito sulla legge elettorale lo lasciamo a Pd, Renzi e 5Stelle. È surreale: migliaia di pugliesi e di italiani aspettano ancora la cassa integrazione, la scuola è nel caos più completo, non c’è chiarezza su parecchi dossier come Alitalia o Ilva, eppure la maggioranza pensa a come restare al potere. Sono ossessionati dalle poltrone e completamente scollegati dalla realtà. Noi – prosegue Salvini – vogliamo parlare di lavoro, scuola, abbassamento delle tasse, immigrazione e sulla legge elettorale abbiamo le idee chiare: la vogliamo come quella delle Regioni. La sera del voto chi ha preso un consenso in più governa per cinque anni, niente proporzionale e dittatura dei partitini del 2% come quello di Renzi“.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi