Nel 1962 Gianni Rodari pubblica “Favole al Telefono” ed alcuni decenni dopo Gianluca Lalli, cantautore scrittore e regista lo riporta in vita con il suo lp a cui da il titolo omonimo.

Favole e musica la forza evocativa del racconto quello di fantasia, quello dell’immaginazione oltre la razionalità banale di chi non sa più sperimentare il vigore di cui sono carichi i sogni, la creatività applicata al verbo dei bambini si mescola in questa opera di Lalli con la melodia. Testo musicale è un termine che va stretto a chi grazie al suo ingegno artistico ha saputo tradurre in canzoni un lavoro di letteratura per l’infanzia e l’ha fatto diventare uno strumento ludico al servizio della pedagogia. 

Gianluca Lalli ideatore anche del “Cantafavole” insegna anche ai bambini a comporre e lo fa raccontando loro favole che poi con la sua chitarra trasforma in opere musicali e con i ragazzi che lo seguono inventa la vena fantastica di una storia, celebra l’ispirazione come momento di formazione e attraverso il suono fa loro ascoltare il ritmo dei racconti. Con i bambini si può vivere in una favola, in questo caso in un Cantafavole.

CONTINUA A LEGGERE SU ECODAIPALAZZI.IT

Seguici su:
Facebook  |  Youtube  |  Telegram  |  Twitter

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi